La Provincia di Biella > Politica > Le unioni civili tornano in consiglio, senza ostruzionismo
Politica Biella -

Le unioni civili tornano in consiglio, senza ostruzionismo

La seconda dovrebbe essere la volta buona per il registro comunale delle unioni civili. Martedì 14 (la data scelta per la prima delle due sedute fissate, la seconda sarà il 28) verrà probabilmente approvata la delibera che, in occasione dell'ultimo consiglio comunale durato fino a notte fonda, era stata affossata dagli innumerevoli emendamenti presentati dall'opposizione.

La seconda dovrebbe essere la volta buona per il registro comunale delle unioni civili. Martedì 14 (la data scelta per la prima delle due sedute fissate, la seconda sarà il 28) verrà probabilmente approvata la delibera che, in occasione dell’ultimo consiglio comunale durato fino a notte fonda, era stata affossata dagli innumerevoli emendamenti presentati dall’opposizione.

La seconda dovrebbe essere la volta buona per il registro comunale delle unioni civili. Martedì 14 (la data scelta per la prima delle due sedute fissate per il consiglio comunale, la seconda sarà il 28) verrà probabilmente approvata la delibera che al primo tentativo era stata affossata a notte fonda dagli innumerevoli emendamenti presentati dall’opposizione.

Stavolta, dopo che il regolamento è stato nuovamente discusso in commissione, la minoranza non dovrebbe riproporre i fatidici emendamenti, ma limitarsi a spiegare le ragioni del proprio voto contrario.

All’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale ci saranno anche il futuro del nuovo ospedale e della sanità biellese, con l’audizione a Palazzo Oropa di Fulvio Moirano, direttore regionale del dipartimento Sanità della Regione. Su richiesta di Fratelli d’Italia, subito sostenuta dal resto dell’opposizione, verrà ascoltato anche un rappresentante dell’Ordine dei medici di Biella.

Articolo precedente
Articolo precedente