La Provincia di Biella > Politica > “Chiediamo alla Chiesa di donare piazza Duomo ai biellesi”
Politica Biella -

“Chiediamo alla Chiesa di donare piazza Duomo ai biellesi”

Visto che saranno i biellesi a pagare il rifacimento di piazza Duomo, perché non chiedere al vescovo di donare piazza Duomo alla cittadinanza?E' questa la proposta avanzata da Benito Possemato.

Visto che saranno i biellesi a pagare il rifacimento di piazza Duomo, perché non chiedere al vescovo di donare piazza Duomo alla cittadinanza?E’ questa la proposta avanzata da Benito Possemato.

Visto che saranno i biellesi a pagare il rifacimento di piazza Duomo, perché non chiedere al vescovo di donare piazza Duomo alla cittadinanza? Riassumendo, è questa la domanda posta dal consigliere comunale Benito Possemato in un’apposita interrogazione al sindaco di Biella, Marco Cavicchioli.

“L’amministrazione comunale di Biella – è la premessa di Possemato – ha licenziato il progetto di restauro di piazza Duomo, finanziandolo  con 772mila euro di contributi statali, 800mila euro di contributi regionali e 628mila euro di contributi comunali”.

Una cifra considerevole, soprattutto in tempi di vacche magre, stanziata per “un luogo della memoria storica  per tutta  la comunità biellese, la cui proprietà – continua Possemato – è intestata anacronisticamente, da secoli,  al Capitolo della Cattedrale  di Santo Stefano (di fatto, alla curia vescovile di Biella) che concede la fruibilità pubblica della piazza al comune di Biella secondo convenzione scritta”.

Sulla base di queste considerazioni, il consigliere comunale di I Love Biella ha chiesto al sindaco di intercedere presso il vescovo Gabriele Mana, “avanzando  proposta di donazione di piazza duomo dal Capitolo della Cattedrale di Santo Stefano al  Comune di Biella”.

“Sarebbe un modo – conclude Possemato – per cementificare,  con gesto di buon senso e di imperitura memoria,  il legame atavico e  indissolubile tra tutti i biellesi che finanziano, in toto,  il restauro di piazza Duomo,  e la  Cattedrale di Santo Stefano”.

Articolo precedente
Articolo precedente