La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Vina Records, l’etichetta indipendente made in Biella
Eventi e cultura Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Vina Records, l’etichetta indipendente made in Biella

Tra le colline biellesi vi è un graziosissimo studio di registrazione che è la sede operativa di un'etichetta indipendente assai produttiva: Vina Records. Nata nel 2007, l'etichetta è il frutto di tanta passione e altrettanta professionalità: Davide Diomede e Francesco Del Proposto, infatti, si sono conosciuti diversi anni fa alla SAE, scuola internazionale per ingegneria del suono di Milano (una delle migliori scuole per fonici d'Italia).

Tra le colline biellesi vi è un graziosissimo studio di registrazione che è la sede operativa di un’etichetta indipendente assai produttiva: Vina Records. Nata nel 2007, l’etichetta è il frutto di tanta passione e altrettanta professionalità: Davide Diomede e Francesco Del Proposto, infatti, si sono conosciuti diversi anni fa alla SAE, scuola internazionale per ingegneria del suono di Milano (una delle migliori scuole per fonici d’Italia).

Tra le colline biellesi vi è un graziosissimo studio di registrazione che è la sede operativa di un’etichetta indipendente assai produttiva: Vina Records.

Nata nel 2007, l’etichetta è il frutto di tanta passione e altrettanta professionalità: Davide Diomede e Francesco Del Proposto, infatti, si sono conosciuti diversi anni fa alla SAE, scuola internazionale per ingegneria del suono di Milano (una delle migliori scuole per fonici d’Italia).

“Credo che per come abbiamo concepito fin dall’inizio il nostro rapporto nei confronti dei musicisti e dell’etichetta stessa, la nostra sia stata più un’esigenza artistica che economica (quest’ultima, allo stato attuale del sistema culturale italiano, è praticamente un miraggio lontano). Cercavamo un modo per unire insieme la nostra esperienza di musicisti, fonici e appassionati di musica; il fatto che l’aspetto economico non sia la discriminante principale poi, ci ha sempre dato la possibilità di lavorare alle produzioni direttamente dal basso, insieme alle band, da quella posizione in cui la visione è poco contaminata dai budget e tutto è ancora ruvido e passionale.”

Il sound di Vina Records ha un carattere preciso: “Nella selezione dei gruppi e delle produzioni cerchiamo di seguire istinto e nostro gusto, ovviamente. Questo ci ha portato (e ci porta continuamente) ad un suono eterogeneo, un crossover all’interno del catalogo stesso. Noi proveniamo da una matrice sicuramente garage rock, nel senso attitudinale del termine.Ci piacciono le cose suonate in modo diretto, senza troppi fronzoli”.

L’ultimo anno e mezzo è stato veramente ricco di avvenimenti per Vina Records. “Siamo usciti con ‘Dal Peggiore Dei Tuoi Figli’, primo lavoro degli Invers, la cui lavorazione attraverso il nostro ufficio stampa torinese (Rosina Bonino) ha portato la band a ricevere numerose recensioni positive, a suonare in giro per l’Italia, a rappresentare il piemonte ad Arezzo Wave 2013 e a raggiungere la rotazione televisiva su MTV come artisti del mese. A gennaio, invece, è uscito in anteprima per XL di Repubblica il primo singolo dei Dagomago ‘La fuga del cervello’ che ha anticipato il disco ‘Evviva la deriva’, uscito ufficialmente il 22 aprile”.

Vina Records non si ferma mai: “L’immediato sarà dedicato al lancio promozionale dei Dagomago, al rilascio del secondo singolo degli Invers ‘Buongiorno America’ accompagnato da un videoclip lo-fi presentato in anteprima su Rockit il 9 aprile, all’uscita di un paio di progetti discografici nuovi e alla produzione del secondo disco degli Invers. Da qualche mese siamo partiti con ‘MoscowMule Concerti’, un progetto parallelo che è una ‘booking agency do it yourself’ volta ad intensificare l’attività live delle band che ruotano intorno a Vina Records. Sabato 17 Maggio poi è in programma la ‘VINA FEST’, prima festa ufficiale dell’etichetta al “Magazzino sul Po” di Torino. Insomma tanta carne al fuoco e notti insonni per i sogni nel cassetto.”

Maria Carola Saccoletto

Articolo precedente
Articolo precedente