La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Valentina Pozzato fra i dieci finalisti di Masterchef Italia
Eventi e cultura Biella Circondario -

Valentina Pozzato fra i dieci finalisti di Masterchef Italia

Valentina Pozzato è riuscita ad entrare tra i dieci concorrenti che cercheranno di aggiudicarsi il primo posto; in palio un premio di 100mila euro e l’opportunità di pubblicare un libro di ricette.

Valentina Pozzato è riuscita ad entrare tra i dieci concorrenti che cercheranno di aggiudicarsi il primo posto; in palio un premio di 100mila euro e l’opportunità di pubblicare un libro di ricette.

«Giovedì si avvicina – scriveva su Facebook Valentina Pozzato, l’infermiera biellese di 29 anni che partecipa alla quarta edizione di Masterchef Italia, nella mattinata del mercoledì prima della gara -. La stanchezza inizia a farsi sentire, ma non si molla. Voglio entrare nella “top10” e giocarmela fino all’ultimo».

E ce  l’ha fatta Valentina: è riuscita ad entrare tra i dieci concorrenti che cercheranno di aggiudicarsi il primo posto; in palio un premio di 100mila euro e l’opportunità di pubblicare un libro di ricette.

Sono in molti ad esprimere la loro gioia sul web: «Bravissima» scrive Rosaria Raneri da Palermo; «Bellissime prove ieri. Mi è dispiaciuto che non ti abbiamo chiamata tra i primi tre alla Mistery perché il tuo piatto era bellissimo» scrive Annachiara Traversa; «Grazie mitica, sei tutti noi. Viva i biellesi» commenta Stefano Astolfi. Insomma, sono in tanti a tifare per Valentina che, infatti, sulla sua pagina facebook come personaggio pubblico ha già quasi raggiunto i tremila “mi piace”, 2851 per essere precisi.

«Cucino come valvola di sfogo – dice Valentina durante la sua presentazione all’interno del programma -. Cucino per riempire gli spazi vuoti nella mia vita». Una passione per la cucina nata quando era ancora in tenera età grazie ai manicaretti che il nonno le preparava al ritorno da scuola.

Ha il timore di rovinare un alimento se lo modifica troppo con procedimenti elaborati, una filosofia ai fornelli molto vicina a quella di chef Barbieri. «Credo che quando si debba pensare ad un piatto – commenta ancora su Facebook – anche il design abbia un valore: quando la portata viene servita, il primo senso stimolato è la vista. Per questo motivo dedico tempo alla “progettazione di un piatto”», è questo il modo con cui l’aspirante cuoca cerca di concepire ogni suo piatto.

Il suo cavallo di battaglia è il pesce crudo, che non dovrà assolutamente mancare nel libro di ricette, se sarà la vincitrice della competizione.

Mario Monteleone

Articolo precedente
Articolo precedente