La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Saldi estivi 2018 inizia la grande corsa agli affari
Eventi e cultura Biella -

Saldi estivi 2018 inizia la grande corsa agli affari

Conto alla rovescia per i patiti dello shopping

Saldi estivi 2018 inizia la grande corsa agli affari.

Il 7 luglio

Voglia di shopping? Puntuali come ogni estate arrivano anche in questo luglio 2018 i tanto attesi saldi. Unica data quest’anno su tutto il territorio nazionale: il 7 luglio è infatti il giorno scelto da negozi fisici e online pronti agli sconti di stagione. Se stavate aspettando l’occasione per acquistare un capo o un accessorio desiderato, o semplicemente amate andare in cerca dell’occasione più ghiotta, è dunque il momento giusto.

Sconti e ribassi riguarderanno varie categorie merceologiche: abbigliamento e calzature la faranno da padroni, ma si potranno trovare occasioni e sconti interessanti anche su intimo e accessori. Le vie di Torino riserveranno spazi per lo svago e la vanità di tante fashion additcted, tra sfizi da accontentare e acquisti improvvisati.

Ma attenzione alle brutte sorprese: verificate sempre che lo sconto sia espresso in percentuale rispetto al prezzo di vendita, e che naturalmente questo sia esposto. Assicuratevi inoltre che nel negozio dove state facendo shopping sia esposta una copia dell’’informativa per i consumatori con le regole osservate per i saldi di fine stagione.

Altroconsumo ha stilato una lista di consigli  per evitare fregature e problemi durante i saldi, norme valide anche per i saldi dell’estate 2018:

  • Confrontate il cartellino del prezzo vecchio con quello ribassato: se avete dubbi sulla percentuale di sconto o il prezzo non vi sembra corretto, chiedete chiarimenti al negoziante.
  • Controllate che i capi siano in buone condizioni. Se il difetto viene fuori dopo l’acquisto, potrete chiedere la risoluzione del contratto: il negoziante deve restituirvi l’importo pagato oppture ridurre il prezzo. È importante conservare lo scontrino.
  • Provate sempre i vestiti: se vi pentite in un secondo momento dell’acquisto rischiate di non poterlo cambiare. Infatti il cambio è a discrezione del commerciante. Chiedete sempre se vi consentirà di effettuare un cambio e quanti giorni avete a disposizione per farlo.
  • Evitate di acquistare i capi d’abbigliamento che non abbiano le due etichette (quella di composizione e quella di manutenzione), per evitare di danneggiarli nella pulitura a secco o in quella ad acqua fatta a casa.
  • Fate attenzione che la merce in saldo sia quella stagionale. La legge prevede, infatti, che i saldi non riguardino tutti i prodotti, ma solo quelli di carattere stagionale e articoli cosiddetti di moda, cioè quelli che hanno probabilità di deprezzarsi se non vengono venduti durante la stagione.
  • Ricordate che i prezzi esposti vincolano il venditore: se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, fatelo notare al negoziante e non esitate, in caso di problemi, a far intervenire la polizia municipale.
  • La garanzia vale per due anni dall’acquisto. Attenzione, dunque, agli scontrini di carta chimica, che sbiadiscono dopo qualche mese; fotocopiateli per poterli esibire al momento opportuno. La garanzia va fatta valere entro sessanta giorni dal momento in cui si scopre il difetto.
  • Un negoziante convenzionato con una carta di credito è tenuto ad accettarla sempre, anche in periodo di saldi, e a non aumentare i prezzi per pagamenti effettuati con la carta.
  • Attenzione ai pagamenti effettuati con la carta revolving, perché i tassi applicati possono superare il 20%. Questo strumento di pagamento può essere conveniente nel solo caso di rimborso del capitale in tempi brevissimi, vale a dire pochi mesi.
  • Per evitare confusione e acquisti non desiderati, la merce venduta in saldo deve essere esposta separatamente da quella non scontata: fate una denuncia alla polizia municipale se questa regola non viene rispettata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente