La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Nel tempio valdese la predicazione in piemontese
Eventi e cultura Valle Cervo -

Nel tempio valdese la predicazione in piemontese

Nel tempio valdese di Piedicavallo, domenica 30 agosto alle 17, Massimiliano Zegna svolgerà un culto speciale con inni e predicazione in piemontese, seguendo una tradizione nata negli anni 70 a cura del pastore Ernesto Ayassot e poi ripresa da Tavo Burat (Gustavo Buratti), scrittore e studioso delle minoranze linguistiche, fino alla sua scomparsa nel dicembre 2009.

Nel tempio valdese di Piedicavallo, domenica 30 agosto alle 17, Massimiliano Zegna svolgerà un culto speciale con inni e predicazione in piemontese, seguendo una tradizione nata negli anni 70 a cura del pastore Ernesto Ayassot e poi ripresa da Tavo Burat (Gustavo Buratti), scrittore e studioso delle minoranze linguistiche, fino alla sua scomparsa nel dicembre 2009.

Nel tempio valdese di Piedicavallo, domenica 30 agosto alle 17, Massimiliano Zegna svolgerà un culto speciale con inni e predicazione in piemontese, seguendo una tradizione nata negli anni 70 a cura del pastore Ernesto Ayassot e poi ripresa da Tavo Burat (Gustavo Buratti), scrittore e studioso delle minoranze linguistiche, fino alla sua scomparsa nel dicembre 2009.

La parabola del buon Samaritano, tratta dal Vangelo di Luca, è il testo che verrà presentato in piemontese da Zegna nella sua predicazione.

A Piedicavallo esiste l’unico tempio storico del Biellese protestante, eretto nel 1895 a cura dei picapère (gli scalpellini) della Valle Cervo, e ogni anno nel periodo estivo vengono svolti tutte le domeniche i culti (le celebrazioni religiose) dei valdesi.

Al culto di domenica (ecumenico e aperto a tutti) parteciperà anche il pastore della chiesa valdese di Biella e di Piedicavallo, Marco Gisola.

Articolo precedente
Articolo precedente