La Provincia di Biella > Eventi e cultura > I vigili del fuoco celebrano Santa Barbara
Eventi e cultura Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

I vigili del fuoco celebrano Santa Barbara

Grande festa al comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Biella che oggi, come ogni 4 dicembre, celebrano la loro patrona, Santa Barbara.

Grande festa al comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Biella che oggi, come ogni 4 dicembre, celebrano la loro patrona, Santa Barbara.

Grande festa al comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Biella che oggi, come ogni 4 dicembre, celebrano la loro patrona, Santa Barbara.

Ai festeggiamenti anche quest’anno parteciperanno le massime autorità civili, militari e religiose. Per un giorno, poi,  la caserma sarà aperta a tutti i cittadini che vorranno condividere con il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco questo momento di gioia.
La cerimonia, che quest’anno è stata organizzata dall’ingegner Fabrizio Maniscalco, vicecomandante della caserma biellese, è iniziata alle 11 con la consueta messa cui ha fatto seguito il discorso del comandante reggente, Vincenzo Bennardo, che ha illustrato i risultati dell’ultimo anno di attività. Oggi vengono anche consegnate le croci d’anzianità ai pompieri che hanno alle spalle un maggior numero di anni di servizio.
Si tratta di Marinella Rizza (operatore professionale Esperto), Ines Kotlar (operatore professionale Esperto) e del vigile qualificato Vincenzo Genna.

E’ “saltato”, invece, il grande saggio professionale, amatissimo dal pubblico e che distingue la festa dei Vigili del Fuoco da quella di tutte le altre forze dell’ordine. «Abbiamo ricevuto dal ministero – spiega Maniscalco – precise direttive in merito. Dobbiamo ridurre i costi, quindi, purtroppo, non ci è stato possibile preparare il consueto saggio».
Ma la festa rimane ugualmente suggestiva: «Per noi santa Barbara è una giornata davvero molto importante – conclude Maniscalco – che festeggiamo con piacere tutti insieme. Siamo un corpo unito, ed abbiamo la fortuna di fare il lavoro più bello del mondo».

Articolo precedente
Articolo precedente