La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Festival del Risotto, oggi il 2° Raspelli Day
Eventi e cultura Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Fuori provincia Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Festival del Risotto, oggi il 2° Raspelli Day

Grande fine settimana quello del 15, 16 e 17 maggio a Biella Fiere dov'è in corso, fino al 2 giugno ogni week end, il 5° Festival Nazionale del Risotto Italiano.

Grande fine settimana quello del 15, 16 e 17 maggio a Biella Fiere dov’è in corso, fino al 2 giugno ogni week end, il 5° Festival Nazionale del Risotto Italiano.

Grande fine settimana quello del 15, 16 e 17 maggio a Biella Fiere dov’è in corso, fino al 2 giugno ogni week end, il 5° Festival Nazionale del Risotto Italiano. In occasione del secondo Raspelli Day della manifestazione, al notissimo e amato critico gastronomico, conduttore storico del programma TV Melaverde, verrà conferita la cittadinanza onoraria di Gaglianico “per aver – si legge fra l’altro nella motivazione – ideato il Festival Nazionale del Risotto Italiano che, giunto alla quinta edizione nel complesso Biella Fiere del Comune di Gaglianico, valorizza e offre visibilità nazionale ad alcune delle più importanti eccellenze agroalimentari del territorio biellese, a partire dal Riso DOP di Baraggia Biellese”.

La cerimonia si svolgerà alle ore 18,30 nell’aula consiliare di Gaglianico, dopodichè il “nuovo” cittadino raggiungerà Biella Fiere e il Festival del Risotto per cimentarsi con il Casulot, il Risotto di Raspelli messo a punto con la chef Silvia Saltarelli e che grande consenso ha ottenuto in occasione dell’esordio al Festival di due settimane fa.

Ma il fine settimana sarà caratterizzato, oltre che dalla preparazione di nove nuovi risotti, dal gemellaggio del Festival del Risotto con il Marocco che, con la chef marocchina Noura Herrag di Slow Food, presenterà un risotto con zafferano Taliouine e aromi berberi, e un grandioso cous cous con verdure di stagione, confit di cipolle, uva sultanina e Samet di Chefchaouen (si tratta di una riduzione di uve zuccherine). Il menù completo della tre giorni elenca numerose suggestioni, ad ulteriore ed ennesima dimostrazione di quanto il riso, declinato in forma di risotto, offra infinite possibilità combinatorie con i prodotti territoriali che dall’Alto Piemonte arrivano all’altra sponda del Mediterraneo.

L’ingresso è libero e gli orari dalle 18 alle 23 nei feriali, e dalle 11 alle 23 sabato e festivi, con pausa fra le 15 e le 18. Rispetto agli orari di accesso al pubblico, i risotti vengono serviti “all’onda” un’ora dopo: dalle 12 e dalle 19.

Articolo precedente
Articolo precedente