La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Doppio appuntamento con Arturo Brachetti
Eventi e cultura Biella -

Doppio appuntamento con Arturo Brachetti

Doppio appuntamento domani e dopodomani all’Odeon con Arturo Brachetti che torna dopo il successo trionfale di tre anni fa. Brachetti che sorpresa è il nuovo spettacolo di questo  artista che non delude il suo pubblico e propone il meglio del quick change, quell’arte da lui stesso reinventata che lo ha reso celebre e acclamato ai quattro angoli del pianeta

Doppio appuntamento domani e dopodomani all’Odeon con Arturo Brachetti che torna dopo il successo trionfale di tre anni fa. Brachetti che sorpresa è il nuovo spettacolo di questo  artista che non delude il suo pubblico e propone il meglio del quick change, quell’arte da lui stesso reinventata che lo ha reso celebre e acclamato ai quattro angoli del pianeta

Doppio appuntamento domani e dopodomani all’Odeon con Arturo Brachetti che torna dopo il successo trionfale di tre anni fa.

Brachetti che sorpresa è il nuovo spettacolo di questo  artista che non delude il suo pubblico e propone il meglio del quick change, quell’arte da lui stesso reinventata che lo ha reso celebre e acclamato ai quattro angoli del pianeta: in un battito di ciglia (forse due) si trasforma davanti agli occhi degli spettatori dal cappello alle scarpe, cambiando abito ma soprattutto anima. Un caleidoscopio di personaggi che realizza con grandi costumi o solo con pochi oggetti, per ricordarci che “con poco si può fare tutto, basta lasciarsi andare alla fantasia”.

Brachetti è un artista a 360°, capace di passare dalla trasformazione ad altre performance che lasceranno il pubblico a bocca aperta: il fascino delle ombre cinesi, l’emozione del sand painting e molto altro ancora.

Compagni di avventura i suoi eclettici e insoliti amici: Luca Bono, “gli occhi blu della magia”, giovane talento dell’illusionismo internazionale con l’impossibile tra le mani; Luca&Tino, artisti esilaranti, stralunati e improbabili, definiti dal prestigioso quotidiano francese Le Figaro i “Laurel e Hardy italiani”; Francesco Scimemi, tanto geniale quanto imprevedibile, ribaltatore di schemi professionista.

Articolo precedente
Articolo precedente