La Provincia di Biella > Eventi e cultura > “Biella Letteratura e Industria”, il 10 ottobre l’incontro con i finalisti
Eventi e cultura Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

“Biella Letteratura e Industria”, il 10 ottobre l’incontro con i finalisti

In attesa di conoscere il nome del vincitore del Premio Biella Letteratura e Industria, che sarà assegnato venerdì 21 novembre, tutti gli appassionati di letteratura potranno partecipare all’appuntamento culturale, ad ingresso libero, organizzato venerdì 10 ottobre alle ore 17 nei locali della biblioteca di Città Studi. Coordinati dal presidente di giuria, Pier Francesco Gasparetto, i cinque autori finalisti dell’edizione 2014 presenteranno le loro opere, rispondendo alle domande del pubblico intervenuto.

In attesa di conoscere il nome del vincitore del Premio Biella Letteratura e Industria, che sarà assegnato venerdì 21 novembre, tutti gli appassionati di letteratura potranno partecipare all’appuntamento culturale, ad ingresso libero, organizzato venerdì 10 ottobre alle ore 17 nei locali della biblioteca di Città Studi. Coordinati dal presidente di giuria, Pier Francesco Gasparetto, i cinque autori finalisti dell’edizione 2014 presenteranno le loro opere, rispondendo alle domande del pubblico intervenuto.

In attesa di conoscere il nome del vincitore del Premio Biella Letteratura e Industria, che sarà assegnato venerdì 21 novembre, tutti gli appassionati di letteratura potranno partecipare all’appuntamento culturale, ad ingresso libero, organizzato venerdì 10 ottobre alle ore 17 nei locali della biblioteca di Città Studi. Coordinati dal presidente di giuria, Pier Francesco Gasparetto, i cinque autori finalisti dell’edizione 2014 presenteranno le loro opere, rispondendo alle domande del pubblico intervenuto.

La rosa delle cinque opere finaliste che saranno presentate il 10 ottobre comprende:

  • Lo squalo e il dinosauro. Vita operaia nella Fiat di Marchionne (Ediesse), in cui Ritanna Armeni realizza un interessante reportage sulla condizione operaia negli stabilimenti Fiat dominati dalla minaccia della chiusura.
  • Il costo della vita. Storia di una tragedia operaia (Einaudi) di Angelo Ferracuti ricostruisce la drammatica vicenda di 13 operai morti asfissiati nella stiva di una nave nei cantieri di Ravenna, il 13 marzo 1987.
  • Invisibile è la tua vera patria. Reportage dal declino. Luoghi e vite dell’industria italiana che non c’è più, di Giancarlo Liviano D’Arcangelo (Il Saggiatore) documenta come, dal Piemonte alla Sicilia, l’Italia sia un Paese disseminato di relitti della grande industria. Con una prosa suggestiva l’autore costruisce un grande affresco in cui storie personali e collettive si intrecciano alla devastazione ambientale, in un gioco di magnificenza e squallore.
  • In Giovanni Enriques. Dalla Olivetti alla Zanichelli (Hoepli) Sandro Gerbi ha realizzato un monumentale lavoro di ricerca per raccontare a tutto tondo la vita di un uomo di larghe vedute. Una biografia che accompagna passo passo il lettore alla scoperta di un personaggio fuori dal comune, l’editore innovativo e l’uomo “illuminato” che aveva iniziato la sua carriera come operaio all’Olivetti.
  • Con Elogio della piccola impresa (Il Mulino) Giorgio Sapelli richiama l’attenzione sulla vitalità delle piccole imprese, che rappresentano da sempre una parte complementare e importante del tessuto imprenditoriale italiano. Dalla crisi attuale, tuttavia, la piccola impresa può risorgere, trasformata e rafforzata, solo a patto che il sistema sociale sappia sostenerla rifondando l’economia sulla persona e sulla famiglia.

Al termine della presentazione sarà possibile continuare a dialogare con gli autori nel corso di un cocktail, offerto da Città Studi. Chi invece fosse interessato a prendere parte alla cena, organizzata dal Circolo dei Lettori di Biella presso il Circolo Sociale Biellese (costo euro 25), può prenotarsi contattando il numero 015 8551107.

Il Premio Biella Letteratura e Industria, giunto ormai alla tredicesima edizione, è destinato quest’anno ad un’opera di saggistica, pubblicata tra il 1° gennaio 2012 e il 31 dicembre 2013. Si tratta di un Premio unico in Italia che, riprendendo il tema proposto negli anni Sessanta dalla rivista “Menabò” di Calvino e Vittorini, si propone di indagare i complessi rapporti tra il mondo delle arti e quello del progresso industriale. È promosso da Città Studi Biella e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, in partnership con l’Unione Industriale Biellese e il Comune di Biella e con il contributo della Camera di Commercio di Biella. Al Premio, sponsorizzato quest’anno dalla ditta Lauretana, collaborano: il Gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione Industriale Biellese, l’Associazione L’Uomo e l’Arte e la Società Dante Alighieri. Il Premio rientra nella Settimana della Cultura di Impresa, iniziativa nazionale promossa da Confindustria.

Per rendere il Premio sempre più interattivo, già dallo scorso anno è possibile votare e commentare le cinque opere finaliste di ogni edizione direttamente sul sito: www.biellaletteraturaindustria.it.

Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare la segreteria organizzativa del Premio Biella Letteratura e Industria, in C.so G. Pella 2b, telefonando ai numeri 015 8551103/07 o scrivendo all’indirizzo e-mail:  premiobiella@cittastudi.org

Articolo precedente
Articolo precedente