La Provincia di Biella > Economia > “Tari, non pagare è un errore”
Economia Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

“Tari, non pagare è un errore”

Incontro importante per fare il punto sulla tassa rifiuti, dedicato a tutti i commercianti biellesi. Si terrà lunedì sera e coinvolgerà Ascom e gli operatori della provincia interessati. Inizierà alle 20.30, nella sede dell’associazione  in via Tripoli 1.

Incontro importante per fare il punto sulla tassa rifiuti, dedicato a tutti i commercianti biellesi. Si terrà lunedì sera e coinvolgerà Ascom e gli operatori della provincia interessati. Inizierà alle 20.30, nella sede dell’associazione  in via Tripoli 1.

Incontro importante per fare il punto sulla tassa rifiuti, dedicato a tutti i commercianti biellesi. Si terrà lunedì sera e coinvolgerà Ascom e gli operatori della provincia interessati. Inizierà alle 20.30, nella sede dell’associazione  in via Tripoli 1.

“Invitiamo tutti gli esercenti a partecipare a questo appuntamento. Chi interverrà alla serata è invitato ad utilizzare dei toni adeguati, non c’è bisogno di urlare per far valere i propri diritti – ha comunicato Mario Novaretti, nel corso della conferenza stampa di ieri –. Non pagare, non è la via giusta da intraprendere. La soluzione è venire all’incontro e cercare di farsi rateizzare l’importo della propria tassa sui rifiuti”.
La riunione di lunedì sarà necessaria per illustrare la strada migliore per raggiungere gli obiettivi dei commercianti.
Secondo Novaretti nel tentativo di superare la crisi bisogna rispettare le leggi, che non possono essere revocate. Per questo motivo, non pagare, non è una soluzione.

Ascom deve trattare col comune e col primo cittadino, perché venga chiarita la situazione di cassa della nostra città.
Dopo aver già parlato con gli assessori Gaido, Presa e La Malfa, Novaretti si augura di poter illustrare la sua proposta ai commercianti lunedì sera.

“Chiederemo trenta mensilità per gli importi Tari più alti. Per quelli più bassi ne chiederemo di meno – ha continuato il presidente –. Chiederemo inoltre la rateizzazione perché potrà permettere al comune di avere dai tre ai cinque mesi di tempo per valutare la situazione. Dove verrà stimata la quantità dell’immondizia e verrà sistemato il regolamento sull’imposta”.

La proposta è uguale a quella di tanti comuni piemontesi, compreso Torino. Entro la fine di questo mese i commercianti interessati dovranno presentare la richiesta di rateizzazione.

Si spera che nel 2015 venga fatta un po’ di giustizia tributaria.

Elisa Porelli

Articolo precedente
Articolo precedente