La Provincia di Biella > Economia > Sciopero e sit-in ai giardini contro la Legge di stabilità
Economia Biella -

Sciopero e sit-in ai giardini contro la Legge di stabilità

I lavoratori venerdì incroceranno le braccia per quattro ore. Mario Paonessa, segretario generale Cgil: "Confidiamo in un'adesione massiccia"

I lavoratori venerdì incroceranno le braccia per quattro ore. Mario Paonessa, segretario generale Cgil: “Confidiamo in un’adesione massiccia”

Quattro ore di uscita anticipata per dire no alla legge di stabilità del governo Letta. I sindacati, come spesso accade in questi casi, hanno ritrovato la compattezza e hanno proclamato uno sciopero, su base regionale, che in Piemonte avrà luogo venerdì 15 novembre.

“Confidiamo – spiega Mario Paonessa, segretario generale della Cgil di Biella per la Funzione pubblica – in un'adesione massiccia. Nei prossimi giorni organizzeremo delle assemblee ed effettueremo dei volantinaggi affinchè i lavoratori partecipino”.

C'è già chi ha deciso di estendere lo sciopero. I dipendenti che operano per il settore pubblico (ad esempio in cooperative e case di riposo) incroceranno le braccia per l'intera giornata. A Biella, inoltre, a partire dalle ore 11 sarà presente un presidio in Largo Cusano per spiegare le motivazioni dello sciopero.
 

Maggiori dettagli su La Nuova Provincia di Biella in edicola oggi.

 

Articolo precedente
Articolo precedente