La Provincia di Biella > Economia > “Movicentro” in affitto, il Comune ci riprova
Economia Cossatese -

“Movicentro” in affitto, il Comune ci riprova

E’ stato pubblicato in questi giorni dall’Amministrazione comunale il bando di gara, terzo esperimento, per la gestione locataria dello spazio commerciale presso l'area “Movicentro”, attigua alla stazione del treno.

E’ stato pubblicato in questi giorni dall’Amministrazione comunale il bando di gara, terzo esperimento, per la gestione locataria dello spazio commerciale presso l’area “Movicentro”, attigua alla stazione del treno.

E’ stato pubblicato in questi giorni dall’Amministrazione comunale il bando di gara, terzo esperimento, per la gestione locataria dello spazio commerciale presso l’area “Movicentro”, attigua alla stazione del treno.

L’importo previsto a base di gara, da effettuarsi al rialzo, è di 280 euro mensili comprensivi del canone di affitto dello spazio commerciale, della tenuta in ordine e della pulizia della sala d’aspetto della ferrovia. La scadenza della domanda è il prossimo 3 marzo alle ore 12.15.

“Il locale – come si legge nel regolamento consultabile sul sito internet – è  di proprietà comunale ed ha una superficie utile lorda pari a sessantasei metri quadrati, con annessi locali antibagno, servizio igienico e locale accessorio di pertinenza. Il Canone annuo ha base d’asta pari a 3.360 euro. La tipologia di contratto è ‘locazione di sei anni’, eventualmente rinnovabili”.

Sempre nelle disposizioni si legge che “sono proponibili, come natura della prestazione nella gestione dello stabile, servizi al viaggiatore, per i quali è in essere una convenzione fra Comune e Rete ferroviaria italiana, attività di vendita e commerciale, servizi di informazione e comunicazione, di ristoro e di servizio alla persona. Non sono invece ammesse attività di sexy shop, phone center, centri scommesse e attività inerenti l’utilizzo di slot machine e di altri giochi d’azzardo elettronici o di qualsiasi altra attività, anche se non espressamente indicata, che possa essere lesiva nei confronti dell’immagine della città di Cossato”. Per ulteriori informazioni si può fare riferimento al sito internet www.comune.cossato.bi.it. Le domande si dovranno redigere su apposito modulo, reperibile on line appunto, e dovranno pervenire in Comune entro 3 marzo alle 12.15.

Articolo precedente
Articolo precedente