La Provincia di Biella > Economia > Mondoffice, dipendenti fiduciosi
Economia Cossatese -

Mondoffice, dipendenti fiduciosi

Per ora in programma non ci sarebbero licenziamenti ma solo la riduzione di alcuni uffici

Per ora in programma non ci sarebbero licenziamenti ma solo la riduzione di alcuni uffici

«Siamo fiduciosi». C’è speranza tra i dipendenti della Mondoffice dopo l’annuncio, da parte della proprietà che nel 2014 partirà un piano di ristrutturazione dei costi da effettuare in tre anni.  Il piano non è stato ancora illustrato nei dettagli, quindi, non  si sa se vi siano dei posti di lavoro a rischio. 
Mondoffice, lo ricordiamo,  conta circa 300 lavoratori, di cui 230 dipendenti, altri 70 appartengono a un indotto proveniente dalle varie cooperative. Ad avvallare la possibilità che la ristrutturazione sia meno radicale di quanto temuto anche il fatto che, negli ultimi cinque anni la Staples ha compiuto importanti investimenti nello stabilimento di Cerreto Castello. Un segnale che ad oggi appare decisamente positivo.


. L'annuncio della ristrutturazione è stato un fulmine a ciel sereno, soprattutto per i sindacati, che si trovano a dover gestire un’altra situazione potenzialmente drammatica di cui, ad oggi, hanno solo notizie frammentarie. Di più si saprà soltanto verso la fine della prossima settimana, quando le parti sociali incontreranno l’azienda e finalmente sarà illustrato il piano di ristrutturazione. Nel frattempo i lavoratori non si lasciano scoraggiare: «L’azienda – spiega Maura Luchini, membro direttivo all’interno di Mondoffice – si è sempre comportata in modo corretto, speriamo lo sia anche questa volta.L’azienda è sana, non ci sono estremi per stabilire una conclusione tragica. in passato la proprietà ha sempre seguito le normative, non abbiamo mai avuto casi particolari da gestire. C’è sempre stato un buon dialogo con la dirigenza locale. Anche se, in questo momento, la situazione è determinata dalla multinazionale proprietaria».

Tutti i particolari sulla "Nuova provincia" in edicola oggi

Articolo precedente
Articolo precedente