La Provincia di Biella > Economia > Le imprese tornano ad assumere
Economia Biella Circondario -

Le imprese tornano ad assumere

Sono i dati relativi alle previsioni del primo trimestre del 2015. I contratti attivati saranno infatti 940, 520 dei quali come dipendenti, il 47% in più rispetto al trimestre precedente: un incremento superiore al dato nazionale. E il 28% in più rispetto ai 730 contratti dello stesso trimestre dello scorso anno.

Sono i dati relativi alle previsioni del primo trimestre del 2015. I contratti attivati saranno infatti 940, 520 dei quali come dipendenti, il 47% in più rispetto al trimestre precedente: un incremento superiore al dato nazionale. E il 28% in più rispetto ai 730 contratti dello stesso trimestre dello scorso anno.

Segnali di ripresa nell’economia biellese.

Sono i dati relativi alle previsioni del primo trimestre del 2015. I contratti attivati saranno infatti 940, 520 dei quali come dipendenti, il 47% in più rispetto al trimestre precedente: un incremento superiore al dato nazionale. E il 28% in più rispetto ai 730 contratti dello stesso trimestre dello scorso anno.

E’ pertanto previsto un saldo positivo nella variazione dell’occupazione, come accade in tutta Italia, che sarà pari +110 unità, in sensibile miglioramento rispetto al -90 del 2014. Un numero che emerge confrontando le 940 entrate di lavoratori, subordinati oppure autonomi, e le 830 uscite, per scadenza del contratto, pensionamento o altri motivi.

La maggior parte di queste assunzioni riguardano aziende operanti nei servizi: il 78% delle 520 assunzioni (sei punti percentuale rispetto al trimestre passato). Diminuirà invece il peso dell’industria, che raggiungerà il 22% del totale.

Un altro aspetto positivo è rappresentato dall’aumento dei contratti a tempo indeterminato, che riguarderanno 250 assunzioni, vale a dire il 48% del totale. A questi si aggiungono poi i contratti di apprendistato – con le “assunzioni stabili” che salgono a 280, il 54%. I contratti a tempo determinato (230, il 43%) riguarderanno soprattutto le sostituzioni temporanee e i candidati per il cosiddetto “posto fisso”. Questa tipologia riguarderà 90 contratti, il 17%. Per concludere, 30 assunzioni (il 6%) farano fronte a pocchi di attività, mentre il 3% sarà riferito a lavori stagionali.

Articolo precedente
Articolo precedente