La Provincia di Biella > Economia > I biellesi ricorrono sempre di più alle rate
Economia Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

I biellesi ricorrono sempre di più alle rate

A Biella serenità, soddisfazione e sicurezza sono le principali sensazioni che prova oltre la metà degli abitanti (54%) quando si paga un bene o un servizio a rate.

A Biella serenità, soddisfazione e sicurezza sono le principali sensazioni che prova oltre la metà degli abitanti (54%) quando si paga un bene o un servizio a rate.

A Biella serenità, soddisfazione e sicurezza sono le principali sensazioni che prova oltre la metà degli abitanti (54%) quando si paga un bene o un servizio a rate. In particolare, il 21% si sente più sereno perché non deve rinunciare ad acquisti ritenuti rilevanti dal suo punto di vista, il 20% evidenzia la soddisfazione di poter realizzare in tutta tranquillità un acquisto definito importante e il 13% ritiene che la scelta della rata garantisca la “sicurezza di non fare il passo più lungo della gamba”.

Pagare a rate significa per il 12% dei biellesi anche fare acquisti in modo intelligente garantendo al bilancio familiare un flusso di denaro controllato.

Resta una quota di persone che, soprattutto in questo periodo di incertezza nel domani, pensa al denaro con preoccupazione: il restante 28% degli intervistati vede infatti con ansia le rate che verranno nel futuro.
 
Oltre che per l’acquisto dell’automobile e di beni e servizi legati alla casa, tipicamente associati al pagamento rateale, i biellesi vedono con particolare favore il pagamento a rate dell’assicurazione auto: in dettaglio, il 75% degli intervistati considera utile ed opportuno sostenere l’acquisto dell’automobile a rate, il 69% per ammobiliare la propria casa o ristrutturarla e il 28% considera opportuno pagare a rate l’assicurazione auto. Completano la fotografia dello scenario attuale gli acquisti a rate di prodotti di elettronica (27%) e di cure mediche (25%).

L’indagine è stata commissionata all’istituto specializzato Nextplora, ed è stata realizzata con metodologia CAWI su un campione di 4186 persone.

Articolo precedente
Articolo precedente