La Provincia di Biella > Economia > Comotto, salvi i contratti di lavoro
Economia Circondario -

Comotto, salvi i contratti di lavoro

Positivo incontro fra due delle cooperative interessate a subentrale e le rappresentanze sindacali dei lavoratori, presente il sindaco di Vigliano Luca Sangalli

Positivo incontro fra due delle cooperative interessate a subentrale e le rappresentanze sindacali dei lavoratori, presente il sindaco di Vigliano Luca Sangalli

 Dopo mesi di tensioni e polemiche, la vicenda della casa di riposo “Comotto” – dove è imminente un cambio di gestione – sembra volgere al meglio. Lunedì c’è stato un incontro fra due delle cooperative interessate a subentrale e le rappresentanze sindacali dei lavoratori, presente il sindaco di Vigliano Luca Sangalli.
«Alla fine tutto è andato per il meglio – spiega la rappresentante sindacale interna della Cgil Paola Guelpa -. I nostri vecchi contratti sono salvi, come le ore lavorative.  Un altro aspetto molto importante è che, una volta che i dipendenti verranno tutti assunti dalla nuova gestione, non dovranno fare un periodo di prova. Devo dire di essere molto soddisfatta di tutto ciò. Ci terrei a ringraziare di vero cuore Cristina Martiner Bot della Cgil. Si è data molto da fare per ottenere questa meritata vittoria.
«Una parola di merito – prosegue Paola Guelpa – va anche all’amministrazione comunale ed al sindaco Sangalli per aver preso a cuore tutte le richieste giustamente fatte dai dipendenti. Concludo sottolineando che abbiamo vinto questa battaglia in un tempo veramente record, circa due mesi».
Alle sue parole fanno eco  quelle di Cristina Martiner Bot: «Siamo contenti di questo lieto fine – dice -. L’amministrazione comunale è stata molto collaborativa rivedendo le clausole sociali ed accettando le richieste che abbiamo avanzato. Anche le cooperative sono d’accordo. Eravamo un pò preoccupati, ma allo stesso tempo avevamo delle buone ragioni per convincere la controparte ad accettare le nostre proposte, ed alla fine  così è stato».

Articolo precedente
Articolo precedente