La Provincia di Biella > Cronaca > Tempio crematorio, Alessandro Ravetti resta in carcere
Cronaca Biella -

Tempio crematorio, Alessandro Ravetti resta in carcere

Respinta la richiesta di scarcerazione

Alessandro Ravetti resta in carcere. Nel tardo pomeriggio di ieri il Tribunale del Riesame di Torino ha rigettato l’istanza presentata dagli avvocati Marco Bozzalla e Massimo Pozzo, che avevano chiesto una misura meno afflittiva per il loro assistito.

Il quarantenne rimane dunque in viale dei Tigli, dove si trova ormai da quindici giorni, ovvero dall’alba di due venerdì fa, quando i carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura di Biella, guidati dal luogotenente Tindaro Gullo e coordinati dal procuratore capo Teresa Angela Camelio, hanno effettuato il blitz che ha fatto venire alla luce lo scandalo del tempio crematorio.

Tutti i particolari su La Nuova Provincia di Biella in edicola oggi con in regalo il primo fascicolo del libro “I consigli della nonna”

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente