La Provincia di Biella > Cronaca > Sequetrati 600 litri di gasolio e un impianto di erogazione
Cronaca Circondario -

Sequetrati 600 litri di gasolio e un impianto di erogazione

Sequestrati 600 litri di gasolio e un impianto di erogazione del carburante. E' l'esito di un controllo fiscale presso un'azienda biellese. La Compagnia della Guardia di Finanza di Biella ha scoperto, nel sito in cui si svolge l’attività, la presenza di un impianto di distribuzione di carburante per autotrazione perfettamente funzionante, utilizzato per rifornire gli automezzi aziendali. Da successivi controlli, però, è stata accertata la totale assenza di autorizzazioni all’installazione della cisterna e degli strumenti di distribuzione, in particolare non era mai stato rilasciato il certificato prevenzione incendi.

Sequestrati 600 litri di gasolio e un impianto di erogazione del carburante. E’ l’esito di un controllo fiscale presso un’azienda biellese. La Compagnia della Guardia di Finanza di Biella ha scoperto, nel sito in cui si svolge l’attività, la presenza di un impianto di distribuzione di carburante per autotrazione perfettamente funzionante, utilizzato per rifornire gli automezzi aziendali. Da successivi controlli, però, è stata accertata la totale assenza di autorizzazioni all’installazione della cisterna e degli strumenti di distribuzione, in particolare non era mai stato rilasciato il certificato prevenzione incendi.

Sequestrati 600 litri di gasolio e un impianto di erogazione del carburante. E’ l’esito di un controllo fiscale presso un’azienda biellese. La Compagnia della Guardia di Finanza di Biella ha scoperto, nel sito in cui si svolge l’attività, la presenza di un impianto di distribuzione di carburante per autotrazione perfettamente funzionante, utilizzato per rifornire gli automezzi aziendali. Da successivi controlli, però, è stata accertata la totale assenza di autorizzazioni all’installazione della cisterna e degli strumenti di distribuzione, in particolare non era mai stato rilasciato il certificato prevenzione incendi.
Il rischio di incidenti era particolarmente alto, in quanto l’impianto era stato assemblato artigianalmente. Inoltre il conta litri era addirittura inserito nella pompa e la cisterna era istallata a ridosso di un deposito di legname, con evidenti violazioni in materia di sicurezza.
Nelle due cisterne sono stati trovati 600 litri di carburante da autotrazione. L’impianto è stato posto sotto sequestro.
Il titolare è stato segnalato all’autorità giudiziaria per il reato di omessa denuncia di materiali esplodenti nonché agli uffici competenti per i provvedimenti da adottare al fine della messa in sicurezza.

Articolo precedente
Articolo precedente