La Provincia di Biella > Cronaca > Sequestrato patrimonio da oltre 600mila euro
Cronaca Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Sequestrato patrimonio da oltre 600mila euro

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Biella, sezione Tutela Economia, nei mesi scorsi e nell’ambito di indagini delegate dalla Procura, ha sottoposto a sequestro preventivo, nella forma per equivalente, un patrimonio di 642mila euro, costituito da saldi attivi di conti correnti, titoli e una polizza vita.

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Biella, sezione Tutela Economia, nei mesi scorsi e nell’ambito di indagini delegate dalla Procura, ha sottoposto a sequestro preventivo, nella forma per equivalente, un patrimonio di 642mila euro, costituito da saldi attivi di conti correnti, titoli e una polizza vita.

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Biella, sezione Tutela Economia, nei mesi scorsi e nell’ambito di indagini delegate dalla Procura, ha sottoposto a sequestro preventivo, nella forma per equivalente, un patrimonio di 642mila euro, costituito da saldi attivi di conti correnti, titoli e una polizza vita.

“L’azione di servizio – spiegano dal comando della Guardia di Finanza – è il prosieguo dell’operazione “Fabric Ghost” già eseguita, insieme a funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Biella, lo scorso anno. L’operazione aveva  portato al sequestro di beni per oltre 830mila tra conti correnti, beni mobili, immobili e quote societarie, a seguito della scoperta di un’articolata rete di società cartiere, costituite al fine di ricevere o emettere fatture per operazioni inesistenti”.

I finanzieri, insospettiti dalle anomale movimentazioni finanziarie effettuate da uno dei principali indagati, hanno avviato complessi e mirati accertamenti bancari che hanno confermato quanto ipotizzato nel corso delle indagini.

“Al termine del servizio – continuano da da via Addis Abeba – è stata provata l’interposizione fittizia della moglie dell’indagato, alla quale erano stati fraudolentemente trasferiti tutti i beni del marito al solo fine di sottrarli da possibili aggressioni patrimoniali da parte dell’autorità giudiziaria”.

Articolo precedente
Articolo precedente