La Provincia di Biella > Cronaca > Rubano la cassaforte, il bottino è di 15mila euro
Cronaca Biella -

Rubano la cassaforte, il bottino è di 15mila euro

I ladri prendono soldi e gioielli ma non la carabina

Rubano la cassaforte, il bottino è di 15mila euro

I ladri prendono soldi e gioielli ma non la carabina

Sono due i colpi messi a segno dai ladri negli ultimi giorni nel Biellese: uno ha fruttato un ingente bottino, del valore di quasi 15mila euro.
La vittima è un uomo residente a Donato. Qualcuno si è introdotto a casa sua e ha portato via la cassaforte, al cui interno c’erano oggetti preziosi, denaro contante e una carabina. E’ successo giovedì, tra le 10 e le 18, orario in cui il 55enne biellese è tornato a casa e ha scoperto di essere stato derubato.
L’uomo ha immediatamente allertato il 112, anche per via della presenza di un’arma all’interno della cassaforte. Le sue preoccupazioni, almeno per quanto riguardava la carabina, sono cessate circa un’ora dopo, quando la cassaforte è stata trovata abbandonata poco distante in una zona boschiva dietro all’abitazione. Insieme ad essa c’era anche il fucile, nessuna traccia invece del resto della refurtiva.
Dopo aver forzato l’apertura con un palanchino, i ladri si erano appropriati dei soldi, abbandonando tutto il resto.
Il danno complessivo arrecato al proprietario, come detto, è parecchio elevato: sono spariti circa 4mila euro in contanti e preziosi per altri 10mila euro. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri.
Sempre i militari dell’Arma si stanno occupando anche dell’altro furto, particolarmente disdicevole in quanto commesso ai danni di una persona che si trovava all’ospedale.
I ladri hanno agito tra le 17 di mercoledì e le 13,30 di giovedì, approfittando dell’assenza dell’anziana proprietaria, probabilmente sapendo che era ricoverata.
Dopo aver aperto la porta blindata, i malviventi hanno fatto razzia di soldi per circa 200 euro in contanti e di svariati gioielli in oro. Alla vittima del furto, una volta dimessa e rientrata a casa, non è rimasto altro da fare che sporgere denuncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente