La Provincia di Biella > Cronaca > Rissa sfiorata in piena notte al piazzale della provincia
Cronaca Biella -

Rissa sfiorata in piena notte al piazzale della provincia

Rissa sfiorata, la scorsa notte, al piazzale della Provincia di Biella. Alla fine per sedare gli animi è dovuta intervenire la Polizia. Tutto è cominciato poco dopo le 3, nella zona, dove, di notte, ci sono i due chioschetti di Panini di Tony Filoni e Michele Marino. Va detto che la lite è scoppiata ben distante dai due chioschetti di panini, che nulla hanno a che fare con l'episodio. 

Rissa sfiorata, la scorsa notte, al piazzale della Provincia di Biella. Alla fine per sedare gli animi è dovuta intervenire la Polizia. Tutto è cominciato poco dopo le 3, nella zona, dove, di notte, ci sono i due chioschetti di Panini di Tony Filoni e Michele Marino. Va detto che la lite è scoppiata ben distante dai due chioschetti di panini, che nulla hanno a che fare con l’episodio. 

Rissa sfiorata, la scorsa notte, al piazzale della Provincia di Biella. Alla fine per sedare gli animi è dovuta intervenire la Polizia. Tutto è cominciato poco dopo le 3, nella zona, dove, di notte, ci sono i due chioschetti di Panini di Tony Filoni e Michele Marino. Va detto che la lite è scoppiata ben distante dai due chioschetti di panini, che nulla hanno a che fare con l’episodio. A raccontare quanto successo è proprio Tony Filonni: “Era piena notte – spiega – quando ho sentito delle urla provenire dietro al mio furgone. Due persone gridavano come matte. Erano due uomini che stavano discutendo animatamente. Poi ho visto Michele che spegneva le luci del suo chioschetto, allora ho capito che la situazione era preoccupanete e ho chiamato le forze dell’ordine”.In pochi istanti sul posto sono giunte due pattuglie: una di Carabinieri, l’altra della Polizia. I due contendenti sono stati portati in Questura per accertamenti.

“Ho sentito urlare – racconta – anche se  non ho capito cosa dicessero, perchè si stessero scaldando così tanto”.

“Siamo qua per lavorare – spiega Toni – capita che di notte dei ragazzi un po’ alticci si mettano a cantare, in quel caso gli chiediamo di smettere, ricordando loro che i residenti dela zona devono poter dormire in tranquillità. Ma quei due litigavano proprio di brutto. Se la gente urla così non possiamo fare altro che chiedere l’intervento delle forze dell’ordine”.

Articolo precedente
Articolo precedente