La Provincia di Biella > Cronaca > Raffica di furti in auto, il ladro tradito da un cellulare
Cronaca Valli Mosso e Sessera -

Raffica di furti in auto, il ladro tradito da un cellulare

Non una, non due, ma ben dieci auto sono finite nel mirino di un malvivente nel giro di poco più d'una settimana. Tutti i colpi sono stati messi a segno a Valle Mosso. C'è chi si è ritrovato la vettura danneggiata, chi ha denunciato la scomparsa di oggetti dall'abitacolo e chi addirittura l'auto non l'ha più trovata.

Non una, non due, ma ben dieci auto sono finite nel mirino di un malvivente nel giro di poco più d’una settimana. Tutti i colpi sono stati messi a segno a Valle Mosso. C’è chi si è ritrovato la vettura danneggiata, chi ha denunciato la scomparsa di oggetti dall’abitacolo e chi addirittura l’auto non l’ha più trovata.

Non una, non due, ma ben dieci auto sono finite nel mirino di un malvivente nel giro di poco più d’una settimana.

Tutti i colpi sono stati messi a segno a Valle Mosso. C’è chi si è ritrovato la vettura danneggiata, chi ha denunciato la scomparsa di oggetti dall’abitacolo e chi addirittura l’auto non l’ha più trovata.

L’uomo, infatti, ha anche rubato due veicoli, una Peugeot 106 e una Hyundai i20. Entrambe sono state ritrovate e restituite dai carabinieri. Al proprietario della Hyundai, però, è andata comunque male. Il ladro probabilmente si era tenuto le chiavi di scorta e così è tornato all’attacco una seconda volta e ha nuovamente rubato l’auto, che successivamente è stata rinvenuta bruciata a Biella.

Negli altri casi, invece, si limitava a spaccare un finestrino per poi appropriarsi degli oggetti presenti all’interno e allontanarsi.

Gli episodi si sono verificati tra il 3 e l’11 giugno. Per diverse sere alla stazione dei carabinieri si sono presentate diverse persone, che avevano subito furti simili.

Il presunto ladro, però, si è tradito. Durante uno dei colpi ha infatti smarrito il telefono all’interno di una delle vetture e proprio dalla sim del cellulare i militari dell’Arma sono riusciti a rintracciarlo.

Nei confronti di G. A., 36 anni, residente a Valle Mosso, è quindi scattata la denuncia per furto aggravato.

Articolo precedente
Articolo precedente