La Provincia di Biella > Cronaca > Raffica di chiamate alle forze dell’ordine: cresce la fobia dei ladri
Cronaca Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Raffica di chiamate alle forze dell’ordine: cresce la fobia dei ladri

Sono tantissime le richieste di soccorso giunte ai carabinieri negli ultimi giorni da cittadini timorosi di avere i ladri in casa. Come è successo a una donna che ha chiamato i militari dell’Arma dicendo: «Qualcuno sta cercando di entrare a casa mia!».

Sono tantissime le richieste di soccorso giunte ai carabinieri negli ultimi giorni da cittadini timorosi di avere i ladri in casa. Come è successo a una donna che ha chiamato i militari dell’Arma dicendo: «Qualcuno sta cercando di entrare a casa mia!».

Sono tantissime le richieste di soccorso giunte ai carabinieri negli ultimi giorni da cittadini timorosi di avere i ladri in casa. Come è successo a una donna di Cavaglià che l’altro giorno ha chiamato i militari dell’Arma dicendo: «Qualcuno sta cercando di entrare a casa mia!».

La donna ha spiegato di aver sentito dei rumori dagli infissi: forse qualcuno stava cercando di scardinare o aprire una finestra, forzandola per introdursi nella sua abitazione. Erano le 4 di notte. Immediatamente sul posto si è recata una pattuglia di militari dell’Arma ma dei ladri non c’era già più alcuna traccia.

Sempre nei giorni scorsi i carabinieri sono dovuti intervenire anche a Biella in via Cesare Battisti  presso la ditta cave Du Roi. E’ scattato l’allarme sonoro: per questo la pattuglia ha ispezionato la zona, ma non sono state trovate anomalie. Ancora, a Campiglia Cervo, la proprietaria di un’abitazione ha chiesto l’intervento dei carabinieri perchè non si sentiva sicura dopo  aver sentito dei rumori. Anche in questo caso quando i Carabinieri sono giunti sul posto però non c’era nulla di anomalo.

Infine in via Quintino Sella sono dovuti intervenire gli agenti della Questura per un allarme sonoro, ma alla fine era tutto nella norma.

Articolo precedente
Articolo precedente