La Provincia di Biella > Cronaca > Portula azzannata dal cane: due mesi di prognosi
Cronaca Biella Circondario Fuori provincia -

Portula azzannata dal cane: due mesi di prognosi

Un'anziana è stata ricoverata con morsi al braccio e alla gamba.

Portula azzannata dal cane mentre gli porta il cibo: un’anziana in ospedale.

Portula azzannata un’anziana

E’ stata ricoverata al Cto di Torino con profondi morsi al braccio e alla gamba. Avrebbe potuto finire in tragedia la vicenda che ha visto protagonista un’86enne di Portula. E’ ancora tutta da chiarire la dinamica dell’incidente, nel frattempo però l’animale è stato affidato al canile della zona come avviene in questi casi.

Portava del cibo

Lunedì mattina intorno alle 11 la donna residente in frazione Gila ha aperto il cancello ed è entrata nell’area di proprietà di un 52enne. Voleva portare il cibo a due cani legati alla catena, come faceva spesso. Anche per questo non è ben chiaro cosa cosa possa essere successo. L’unica certezza è che qualcosa ha scatenato uno dei due cani, che ha aggredito e morso la donna. L’86enne è caduta a terra, ma è riuscita comunque a trascinarsi fuori dalla portata dell’animale. A quel punto ha dato l’allarme chiedendo aiuto.

I soccorsi

I sanitari del 118 intervenuti sul posto hanno constatato subito che le condizioni erano piuttosto serie. La vittima infatti presentava morsi profondi al braccio, ma anche alla gamba. Per questo è stato chiesto l’intervento del 118 proveniente da Novara già in volo. Nel frattempo i sanitari l’hanno caricata sull’ambulanza e accompagnata fino alla piazzola dell’ospedaletto di Trivero al Centro Zegna, dove è atterrato l’elicottero. Da lì, è stata portata direttamente al Cto di Torino, troppo gravi le ferite riportate. E vista l’età i medici temevano per le condizioni di salute della donna.

Alla fine i medici dell’ospedale torinese le hanno diagnosticato traumi e fratture agli arti inferiori e superiori. Nonostante la gravità delle ferite e l’età, non dovrebbe essere in pericolo. E’ rimasta comunque in osservazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente