La Provincia di Biella > Cronaca > Pensionata caccia da casa i truffatori
Cronaca Biella -

Pensionata caccia da casa i truffatori

Furti e truffe, ormai, sono all’ordine del giorno. Prese di mira, soprattutto persone anziane, che vivono da sole, e che spesso tengono a casa preziosi, denaro o, peggio ancora, l’intera pensione. E spesso, quando sono vittime di un raggiro, non sporgono nemmeno denuncia. Non è il caso di una pensionata coraggiosa che, dopo aver fatto fuggire i truffatori, ha anche chiamato i carabinieri.

Furti e truffe, ormai, sono all’ordine del giorno. Prese di mira, soprattutto persone anziane, che vivono da sole, e che spesso tengono a casa preziosi, denaro o, peggio ancora, l’intera pensione. E spesso, quando sono vittime di un raggiro, non sporgono nemmeno denuncia. Non è il caso di una pensionata coraggiosa che, dopo aver fatto fuggire i truffatori, ha anche chiamato i carabinieri.

Furti e truffe, ormai, sono all’ordine del giorno. Prese di mira, soprattutto persone anziane, che vivono da sole, e che spesso tengono a casa preziosi, denaro o, peggio ancora, l’intera pensione. E spesso, quando sono vittime di un raggiro, non sporgono nemmeno denuncia.

Non è il caso di una pensionata coraggiosa che, dopo aver fatto fuggire i truffatori, ha anche chiamato i carabinieri.
Ieri alla porta di casa della signora, un’anziana di 77 anni residente in via Rivetti a Biella, hanno bussato due uomini. La pensionata, senza pensarci troppo su, li ha fatti entrare. Dicevano di voler vendere santini e altri oggetti ecclesiali.
I due l’hanno riempita di parole, poi hanno chiesto di poter avere un bicchiere d’acqua. Non appena la donna si è recata in cucina, i due truffatori si sono intrufolati nella sua camera da letto, alla ricerca di oro e denaro. La donna ha però impiegato meno tempo del previsto e quando è tornata verso l’ingresso, non trovando più quei due uomini, è corsa in camera da letto e li ha trovati mentre frugavano tra le sue cose.

A quel punto si è messa a gridare e li ha mandati via in fretta e furia. Poi ha chiamato i carabinieri, ai quali ha raccontato quanto successo.

Articolo precedente
Articolo precedente