La Provincia di Biella > Cronaca > Muore papà di quattro figli
Cronaca Biella -

Muore papà di quattro figli

Il ricordo della mamma: "Svolgeva una vita molto regolare  ma nonostante questo il diabete ultimamente era peggiorato"

Il ricordo della mamma: “Svolgeva una vita molto regolare  ma nonostante questo il diabete ultimamente era peggiorato”

La cattedrale di Biella,  pomeriggio, non è stata sufficiente ad accogliere i tantissimi parenti, amici e semplici conoscenti accorsi per dare l’ultimo saluto a Giorgio Ameli, 50 anni, morto improvvisamente mercoledì a causa di un malore. Giorgio Ameli aveva quattro figli, che lascia nella disperazione più profonda. A dar loro un po’ di conforto è stato don Carlo Gariazzo: «Conoscevo giorgio da tanti anni – ha detto – perchè veniva in campeggio a prendere il figlio Ludovico. In questi momenti non ci sono parole: eventi del genere purtroppo pongono interrogativi senza risposte».
Nato a Biella il 23 agosto 1964, Giorgio Ameli lavorava allo S.Pre.S.A.L., il Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, dell’Asl Bi.
«Erano tornati giovedì scorso dalle vacanze ed il giorno dopo era già sul posto di lavoro» spiega la mamma Fernanda, con la voce smorzata dal dolore. «Svolgeva una vita molto regolare – continua -, ma nonostante questo il diabete ultimamente era peggiorato. Giorgio era anche abbastanza sportivo. Era, infatti, da poco andato a Oropa in bici. Si trovava in macchina quando ha avuto il malore, ma ha avuto la forza di cambiare direzione ed indirizzarsi verso Biella». È mancato proprio mentre si stava dirigendo in montagna, a causa di una crisi ipoglicemica. Giorgio era diabetico dall’età di ventun’anni ed era socio-fondatore della Fand Associazione Italiana Diabetici Biella. Il presidente Massimiliano Padoan e la vicepresidente Alina Russo con i consiglieri commentano: «La Fand Associazione Italiana Diabetici Biella si stringe nel dolore della famiglia per l’improvvisa scomparsa di Giorgio Ameli, socio fondatore della nostra associazione venti anni fa. Con impegno e dedizione ha promosso le attività dell’associazione fin dai primi anni di vita, sia nel promuovere la conoscenza della patologia diabetica sia nella collaborazione con la struttura sanitaria per migliorare il servizio pazienti. Funzionario dell’Asl di Biella, lo ricordiamo come ottima persona sempre disponibile nei confronti del prossimo sia con semplici parole di affetto e rincuoro, sia nei gesti di aiuto quando necessario, come amico sincero sempre disponibile e ottimo padre di famiglia».

Articolo precedente
Articolo precedente