La Provincia di Biella > Cronaca > Movida in Riva, residenti di nuovo sul piede di guerra
Cronaca Biella -

Movida in Riva, residenti di nuovo sul piede di guerra

Mentre nei locali si raccolgono le firme per chiedere maggiore sicurezza e provvedimenti contro i violenti "del sabato sera", i residenti tornano all'attacco contro gli effetti collaterali della movida in Riva. Lo fanno con un esposto presentato in Comune, Questura e comando della Polizia municipale.

Mentre nei locali si raccolgono le firme per chiedere maggiore sicurezza e provvedimenti contro i violenti “del sabato sera”, i residenti tornano all’attacco contro gli effetti collaterali della movida in Riva. Lo fanno con un esposto presentato in Comune, Questura e comando della Polizia municipale.

Mentre nei locali si raccolgono le firme per chiedere maggiore sicurezza e provvedimenti contro i violenti “del sabato sera”, i residenti tornano all’attacco contro gli effetti collaterali della movida in Riva. Lo fanno con un esposto presentato in Comune, Questura e comando della Polizia municipale.

I motivi della protesta sono ormai noti: clienti dei locali che disturbano anche dopo l’orario di chiusura, sporcizia, scarsa sicurezza.

Proprio per andare incontro alle esigenze di chi abita nella zona dei locali, un’ordinanza aveva fissato regole ferree sugli orari di chiusura dei pub. Un giro di vite che sembra non aver cambiato la situazione, perché diversi giovani – anche quando si spegne la musica e viene abbassata la saracinesca – continuano comunque a stazionare in zona.

Articolo precedente
Articolo precedente