La Provincia di Biella > Cronaca > Ladri scatenati nel Basso Biellese
Cronaca Basso Biellese -

Ladri scatenati nel Basso Biellese

Ben tre furti messi a segno

Ladri scatenati nel Basso Biellese. Ben tre furti messi a segno

Raffica di furti

Raffica di furti domenica a Viverone, in totale sono stati ben tre i furti messi a segno.

Nella prima abitazione i malviventi hanno forzato il portone di ingresso di una casa della Masseria, dove sono scomparsi diversi monili d’oro. A rendersi conto di quanto accaduto è stato il proprietario di casa, un uomo di 31 anni.

Gli stessi ignoti hanno colpito, poco dopo, nell’alloggio vicino, dove risiede il suocero del 31enne. Da lì sono stati asportati monili d’oro e due motoseghe.

Il terzo furto si è verificato in un appartamento in via Zimone, in frazione Rolle. I ladri, questa volta, hanno portato via circa 200euro in contanti e un orologio. A denunciare l’episodio ai carabinieri è stato il proprietario di casa stesso, un uomo di 59 anni. Continuano in questi giorni le indagini da parte delle forze dell’ordine.

 

Un Commento

  • Fabrizio ha detto:

    Sono una delle vittime dei furti di Viverone, precisamente di quello in frazione Rolle. Volevo precisare che il bottino, contrariamente a quanto scritto, consiste in: 200€ in contanti, 2 federe sfilate dai cuscini del letto, 5 galline vecchie sottratte dal pollaio e 10 bottiglie di olio di oliva extravergine, sottratte dalla dispensa. Ci tenevo a fare questa precisazione non per eccesso di zelo, ma per aiutare in qualche modo ad identificare i malviventi anche in base alla loro modalità di azione ed ai loro gusti in fatto di bottino. E questo perchè vorrei che i suddetti venissero assicurati alla giustizia, non tanto per il danno materiale provocatomi, ma perchè il dolore provato nel sentire la disperazione e la paura dei propri famigliari che al ritorno da una giornata di lavoro vedono la propria abitazione violata e messa a soqquadro da sconosciuti senza il minimo scrupolo, no ha eguali e non lo auguro a nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente