La Provincia di Biella > Cronaca > Ladri “circensi” ancora in azione, ma stavolta devono fuggire
Cronaca Circondario -

Ladri “circensi” ancora in azione, ma stavolta devono fuggire

Perché forzare le porte quando puoi passare "comodamente" dal tetto? I ladri "acrobati" sembrano ormai averci preso gusto: nel giro di pochi giorni hanno colpitio in ben tre supermercati. L'ultimo colpo, però, non è andato come speravano.

Perché forzare le porte quando puoi passare “comodamente” dal tetto? I ladri “acrobati” sembrano ormai averci preso gusto: nel giro di pochi giorni hanno colpitio in ben tre supermercati. L’ultimo colpo, però, non è andato come speravano.

Perché forzare le porte quando puoi passare “comodamente” dal tetto? I ladri “acrobati” sembrano ormai averci preso gusto: nel giro di pochi giorni hanno preso di mira ben tre supermercati. L’ultimo colpo, però, non è andato come speravano.

I malviventi sono entrati in azione ieri al Gigante di Gaglianico, sulla provinciale 153. La tecnica usata è molto simile a quella dei due furti effettuati all’Obi e alla Bennet.

In un primo momento si sono limitati a smantellare la cabina della centralina per disattivare il sistema d’allarme, subito dopo si sono allontanati. Tant’è che i vigilanti, nel corso del loro “giro” di controllo, hanno trovato tutto in ordine.

I ladri sono tornati verso le 4,30, si sono calati dal tetto, attraversando una botola e aiutandosi con delle scale. Una volta dentro, hanno tentato di forzare la cassaforte. A quel punto è arrivato l’imprevisto: l’apparecchio era collegato ad un altro antifurto, differente da quello messo fuori uso poco prima. E’ quindi scattato l’allarme e i novelli Lupin si sono dati alla fuga a mani vuote.

Su questo ennesimo tentativo di furto stanno ora indagando i carabinieri.

Articolo precedente
Articolo precedente