La Provincia di Biella > Cronaca > “La vicina brucia rifiuti plastici”, i carabinieri non trovano alcun rogo
Cronaca Cossatese -

“La vicina brucia rifiuti plastici”, i carabinieri non trovano alcun rogo

Curioso episodio ieri a Bioglio: una donna ha chiamato le forze dell'ordine per un rogo di rifiuti, ma al loro arrivo i carabinieri non hanno trovato nulla. Nel corso della telefonata, la signora ha riferito di un fuoco appiccato dalla vicina di casa per bruciare erbacce e sterpaglie, nel quale sarebbero stati gettati successivamente anche materiali plastici.

Curioso episodio ieri a Bioglio: una donna ha chiamato le forze dell’ordine per un rogo di rifiuti, ma al loro arrivo i carabinieri non hanno trovato nulla. Nel corso della telefonata, la signora ha riferito di un fuoco appiccato dalla vicina di casa per bruciare erbacce e sterpaglie, nel quale sarebbero stati gettati successivamente anche materiali plastici.

Curioso episodio ieri a Bioglio: una donna ha chiamato le forze dell’ordine per un rogo di rifiuti, ma al loro arrivo i carabinieri non hanno trovato nulla.

Nel corso della telefonata, la signora ha riferito di un fuoco appiccato dalla vicina di casa per bruciare erbacce e sterpaglie, nel quale sarebbero stati gettati successivamente anche materiali plastici. La donna ha aggiunto che non si trattava della prima volta e di aver informato anche il sindaco che però, sempre stando al suo racconto, non avrebbe preso alcun provvedimento.

Sul posto è così stata inviata una pattuglia del nucleo radiomobile di Cossato. I militari dell’Arma sono rimasti stupiti nel non trovare traccia del rogo. Così hanno tentato di mettersi in contatto con la donna che aveva segnalato il fatto, ma arispondere è stato il figlio.

L’uomo ha detto ai carabinieri di non saperne nulla e che la madre era lì solo di passaggio, abita addirittura in un altro comune.

Articolo precedente
Articolo precedente