La Provincia di Biella > Cronaca > I truffatori colpiscono ancora con scuse sempre più originali
Cronaca Cossatese -

I truffatori colpiscono ancora con scuse sempre più originali

Non ci sono limiti alla fantasia dei truffatori. Non è la prima volta  che qualcuno si spaccia per un addetto dell'Enel e bussa alla porta di qualche vecchietto, ma di sicuro è stata originale la scusa trovata per raggirare una pensionata.

Non ci sono limiti alla fantasia dei truffatori. Non è la prima volta  che qualcuno si spaccia per un addetto dell’Enel e bussa alla porta di qualche vecchietto, ma di sicuro è stata originale la scusa trovata per raggirare una pensionata.

Non ci sono limiti alla fantasia dei truffatori. Non è la prima volta  che qualcuno si spaccia per un addetto dell’Enel e bussa alla porta di qualche vecchietto, ma di sicuro è stata originale la scusa trovata per raggirare una pensionata.

Lunedì ha bussato alla porta della sua vittima, una donna di 74 anni residente a Cossato, e la ha detto di dover installare delle fotocellule. Il truffatore le ha quindi chiesto di recuperare i gioielli e spostarli per evitare che interferissero con gli apparecchi elettronici. Una volta radunati i preziosi, l’uomo ha afferrato il sacchetto e se l’è data a gambe.

Tutti i dettagli sulla Nuova Provincia, in edicola domani a 1,20 euro.

Articolo precedente
Articolo precedente