La Provincia di Biella > Cronaca > Gang dei falsari, esce dal carcere l’indagata biellese
Cronaca Biella -

Gang dei falsari, esce dal carcere l’indagata biellese

E’ uscita dal carcere Barbara Panizzolo, 46 anni, di Biella, dopo sei mesi di reclusione. Si tratta di uno dei presunti componenti della gang di falsari coinvolta in un traffico di banconote da 50 euro false, che secondo l’accusa venivano realizzate in grandi quantità.

E’ uscita dal carcere Barbara Panizzolo, 46 anni, di Biella, dopo sei mesi di reclusione. Si tratta di uno dei presunti componenti della gang di falsari coinvolta in un traffico di banconote da 50 euro false, che secondo l’accusa venivano realizzate in grandi quantità.

E’ uscita dal carcere Barbara Panizzolo, 46 anni, di Biella, dopo sei mesi di reclusione.

Si tratta di uno dei presunti componenti della gang di falsari coinvolta in un traffico di banconote da 50 euro false, che secondo l’accusa venivano realizzate in grandi quantità (in totale quasi 80 milioni di euro falsi) all’interno di due tipografie – una delle quali si trova nel Biellese – e nascoste in un garage di Bioglio.

La donna, assistita dagli avvocati Eugenio Ferla e Fabrizio Lauti, resterà comunque sottoposta ad una misura restrittiva della libertà. Per adesso, infatti, i giudici di Torino le hanno concesso soltanto i domiciliari.

Per quanto riguarda l’iter processuale, pare che l’indagata non abbia intenzione di scegliere riti alternativi, nella speranza di riuscire a dimostrare la marginalità del proprio ruolo.

L’altro biellese coinvolto, Massimo Pulze, 51enne di Cossato difeso dall’avvocato Marco Romanello, ha invece chiesto e ottenuto il patteggiamento.

Articolo precedente
Articolo precedente