La Provincia di Biella > Cronaca > Farmacista derubata racconta la rapina
Cronaca Valle Elvo -

Farmacista derubata racconta la rapina

Le parole di Tiziana Faraci.

Farmacista derubata

L’ha bloccata sorprendendola alle spalle, le ha puntato un oggetto tra le scapole e senza giri di parole ha intimato: “Dammi i soldi”.

Le parole della vittima del colpo

E’ Tiziana Faraci, farmacista di Donato, a raccontare la rapina di cui è stata vittima nei giorni scorsi: «Ero fuori dal negozio quando è arrivato – racconta -. Era a volto scoperto e aveva l’accento italiano, si è fermato sulla soglia».

La donna lo ha quindi invitato a entrare, come fa con ogni cliente.

«Ha fatto due o tre passi – continua – e si è bloccato, l’ho superato e mi sono diretta verso il bancone. In quel momento, con la coda dell’occhio, ho notato che infilava una mano in tasca e la estraeva tenendo qualcosa nel pugno chiuso».

Poi è stata questione di attimi: l’uomo l’ha “cinturata” con un braccio e le ha puntato qualcosa contro la schiena, “invitandola” a consegnarli i soldi. La donna quindi ha aperto la cassa e gli ha dato ciò che voleva.

“Stai tranquilla, non ti farò del male”

«Infine – ricorda ancora – mi ha chiesto se avessi altri contanti da qualche parte. Non ne avevo. A quel punto mi ha consigliato di stare tranquilla, ché non mi avrebbe fatto del male. Ed è scappato».

La fuga

Si è dileguato subito dopo, insieme alla complice che lo attendeva all’esterno dell’esercizio commerciale. L’episodio è stato immediatamente segnalato ai carabinieri, che hanno subito avviato un’indagine (conclusa già nel tardo pomeriggio di giovedì).

«Devo ringraziare i carabinieri di Netro e di Biella, sono stati tempestivi e si sono subito messi a cercare quest’uomo – sottolinea la sfortunata farmacista -. E’ la prima volta in vent’anni che mi capita una cosa del genere. Spero anche che sia l’ultima perché mi sono spaventata tantissimo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente