La Provincia di Biella > Cronaca > Falsi carabinieri due nuovi casi segnalati nel Biellese
Cronaca Circondario -

Falsi carabinieri due nuovi casi segnalati nel Biellese

A Sandigliano e Borriana

Falsi carabinieri due nuovi casi segnalati nel Biellese.

Due casi

Non dovrebbe succedere, ma è accaduto ancora: falsi carabinieri hanno tentato di raggirare un’anziana.

Il primo caso

La donna, però non si è lasciata truffare, ha percepito il pericolo e allontanato gli impostori. L’acuta pensionata, infatti, ha subito intuito che potesse trattarsi di una truffa ed è riuscita a mettere in fuga i malviventi. È successo mercoledì mattina a Sandigliano. I finti carabinieri hanno bussato alla porta di casa della donna dicendo di essere in zona per effettuare alcune verifiche, dato che poco prima avevano intercettato un ladro. L’anziana non si è lasciata né abbindolare né intimorire e ha chiamato il 112. Nel frattempo i due truffatori sono scappati a bordo di un’auto scura di grossa cilindrata. Dalla descrizione fornita dalla donna, risulta che uno dei due uomini fosse magro con i baffi. L’altro, più robusto, indossava dei pantaloni grigi e una giacca scura. Entrambi portavano cappellini con visiera sulla testa Sull’episodio indagano i militari dell’arma.

L’altro episodio

Qualche giorno prima, purtroppo, si era già verificato qualcosa di simile. I malviventi in questo caso hanno preso di mira suocera e nuora, portando via gioielli e denaro.
E’ accaduto a Borriana e anche in questo caso sono state segnalate due persone. Il furto è stato presumibilmente commesso tra le 8 e le 9. A scoprire i due uomini è stata una pensionata, che si è trovata faccia a faccia con i malviventi all’interno del proprio garage. Una volta scoperti, i ladri non hanno perso il sangue freddo. Hanno infatti giustificato la loro presenza dicendo all’83enne di essere carabinieri. Anche questa donna non si è lasciata abbindolare e ha allertato le forze dell’ordine. Prima di scappare, però, i due malfattori sono riusciti a prenderle 50 euro dal portafoglio.
E’ poi emerso che poco prima, molto probabilmente le stesse persone, avevano visitato la casa accanto, di proprietà di una donna di 54 anni, nonché nuora dell’83enne.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente