La Provincia di Biella > Cronaca > “Ciao Gian Carlo, sei partito per uno dei tuoi viaggi”
Cronaca Valli Mosso e Sessera -

“Ciao Gian Carlo, sei partito per uno dei tuoi viaggi”

Oggi il funerale del settantenne morto in un tragico incidente.

gian carlo preti

Non ce l’ha fatta Gian Carlo Preti, il motociclista 70enne di Trivero coinvolto in un incidente sabato mattina a San Giacomo di Masserano. Troppo gravi le sue condizioni.

Tanti i ricordi su Facebook. Scrive un’amica: «Sei partito per uno dei tuoi viaggi in moto, ma questa volta era un viaggio di sola andata. Mi mancheranno le tue battute, le tue risate. …. mi raccomando. …. fai il bravo!». E ancora: «Ciao fratello, quante volte ti ho salutato così, ma oggi mi costa davvero tanto doverlo fare! Riposa in pace Giancarlo».

Era stato tamponato da un’auto e poi travolto da un’altra, proprio mentre cercava di svoltare verso l’area di servizio. Sul posto i sanitari avevano cercato in tutti i modi di salvarlo praticandogli il massaggio cardiaco, poi la corsa contro il tempo verso il “Maggiore” di Novara con l’elisoccorso dove è morto. Le sue condizioni erano disperate.

Originario di Ponzone, dove ha sempre vissuto con la famiglia, aveva lavorato a lungo come commerciante nel settore tessile con aziende della zona e del Biellese. Da qualche anno era andato in pensione per dedicarsi alla sua passione, la moto. La notizia della sua morte lascia un grande vuoto tra gli amici di Trivero.

Erano le 11 di sabato, l’uomo a bordo della sua moto Bmw Gs si trovava a Masserano sulla strada provinciale per un giro sfruttando ancora la bella giornata. Stava per svoltare verso la stazione di servizio per fare benzina quando, secondo quanto ricostruito finora dai carabinieri, sarebbe stato tamponato da una Porsche Cayenne condotta da una donna 52enne di Gattinara, quindi la moto è finita nella corsia opposta andando a sbattere contro una Seat Ibiza di un 23enne di Masserano, che non ha fatto in tempo a schivare l’ostacolo trovatosi all’improvviso davanti. Uno scontro violento tanto che pezzi della moto sono finiti poi addosso a una Fiat Panda.

Oggi pomeriggio, nella chiesa parrocchiale di Ponzone, amici e parenti lo hanno salutato per l’ultima volta. La salma è stata poi accompagnata al tempio crematorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente