La Provincia di Biella > Cronaca > Brianzolo ubriaco abbandonato a Veglio dagli amici
Cronaca Biella Valli Mosso e Sessera -

Brianzolo ubriaco abbandonato a Veglio dagli amici

Quando in piena notte un uomo ubriaco ha suonato il campanello di casa sua e ha chiesto di poter entrare per essere soccorso, la donna residente a Portula si è spaventata e ha chiamato i carabinieri. Protagonista della curiosa vicenda è Andrea M., 33enne residente a Sulbiate, che i militari dell'Arma della stazione di Bioglio - intervenuti insieme al 118 - hanno faticato non poco ad identificare. L'uomo, infatti, era privo di documenti di riconoscimento.

Quando in piena notte un uomo ubriaco ha suonato il campanello di casa sua e ha chiesto di poter entrare per essere soccorso, la donna residente a Portula si è spaventata e ha chiamato i carabinieri. Protagonista della curiosa vicenda è Andrea M., 33enne residente a Sulbiate, che i militari dell’Arma della stazione di Bioglio – intervenuti insieme al 118 – hanno faticato non poco ad identificare. L’uomo, infatti, era privo di documenti di riconoscimento.

Quando in piena notte un uomo ubriaco ha suonato il campanello di casa sua e ha chiesto di poter entrare per essere soccorso, la donna residente a Portula si è spaventata e ha chiamato i carabinieri.

Protagonista della curiosa vicenda è Andrea M., 33enne residente a Sulbiate, che i militari dell’Arma della stazione di Bioglio – intervenuti insieme al 118 – hanno faticato non poco ad identificare. L’uomo, infatti, era privo di documenti di riconoscimento.

Era già stato trasportato all’ospedale di Biella quando le forze dell’ordine sono riuscite a far luce sulla sua identità. A un certo punto, infatti, è arrivata una comunicazione dal commissariato di Monza: la polizia, su segnalazione dei familiari preoccupati, stava cercando una persona di Sulbiate che qualche ora prima era stata abbandonata a Veglio da alcuni conoscenti, probabilmente stanchi del comportamento dell’uomo, che come detto era completamente ubriaco.

La descrizione corrispondeva. Il brianzolo, dopo essere stato “scaricato”, aveva iniziato a vagare fino a raggiungere Portula, dove si era poi messo a chiedere aiuto.

Andrea ha trascorso la notte all’ospedale, in attesa che la famiglia tornasse a riprenderlo questa mattina.

Articolo precedente
Articolo precedente