La Provincia di Biella > Cronaca > Botte, calci e pugni per una ragazza
Cronaca Basso Biellese -

Botte, calci e pugni per una ragazza

Ci sono forse le troppe attenzioni riservate ad una ragazza all'origine dell'ennesimo episodio di violenza dell'estate biellese. Ieri notte un'aggressione in piena regola è andata in scena a Viverone, nei presi di un locale sul lungolago Ignazio Tarello.

Ci sono forse le troppe attenzioni riservate ad una ragazza all’origine dell’ennesimo episodio di violenza dell’estate biellese. Ieri notte un’aggressione in piena regola è andata in scena a Viverone, nei presi di un locale sul lungolago Ignazio Tarello.

Ci sono forse le troppe attenzioni riservate ad una ragazza all’origine dell’ennesimo episodio di violenza dell’estate biellese.

Ieri notte un’aggressione in piena regola è andata in scena a Viverone, nei pressi di un locale sul lungolago Ignazio Tarello. Era da poco trascorsa l’una, quando una donna ha chiamato la centrale operativa del 112 per segnalare la violenta lite. Stando a quanto riferito, un gruppo di uomini di origine extracomunitaria avrebbe attaccato alcuni avventori del Marinella e si sarebbe dileguati nel nulla subito dopo.

I carabinieri della stazione di Cavaglià hanno identificato gli aggrediti. Uno di loro, un uomo del 1970 residente a Dorzano, presentava diverse escoriazioni provocate da oggetti di legno. Pare che a far degenerare la situazione siano state proprio le attenzioni riservate da quest’ultimo ad una ragazza. Attenzioni che evidentemente il gruppo non ha gradito e che hanno fatto partire un’assurda reazione violenta.

Articolo precedente
Articolo precedente