La Provincia di Biella > Cronaca > Baby gang in azione anche in Piemonte
Cronaca Fuori provincia -

Baby gang in azione anche in Piemonte

Due denunciati per una rapina a Torino

baby gang

Baby gang in azione anche in Piemonte.

Aggredirono un gruppo di ragazzini a Torino

La polizia ha individuato e denunciato due dei presunti responsabili dell’aggressione e della rapina ai danni di un gruppo di ragazzini. Si tratta di due giovani di origini nordafricane di diciassette e vent’anni. Entrambi sono stati denunciati per rapina aggravata in concorso.

La rapina nel centro storico

L’episodio risale allo scorso 13 gennaio. Le vittime vennero aggredite da una dozzina di ragazzi nel piazzale Valdo Fusi, nel centro storico del capoluogo. Il branco rubò loro diversi oggetti, tra i quali uno zaino e alcune casse bluetooth portatili. Parte del bottino è stata recuperata nel corso delle perquisizioni.

Un uomo picchiato a sangue alla fermata dell’autobus

Quello di Torino non è l’unico episodio di violenza perpetrato di recente. Giovedì sera un uomo di 42 anni è stato picchiato da due ragazzi alla fermata dell’autobus, dopo una discussione nata per futili motivi con loro e altri quattro giovani. E’ successo nel centro di Cuorgnè. L’uomo, che si trovava insieme alla compagna, è stato colpito più volte al volto ed è finito all’ospedale.

I precedenti nel Biellese

In passato non sono mancati episodi simili anche nel Biellese. Negli ultimi mesi, però, nella nostra provincia si è parlato di reati commessi da giovanissimi più che altro in riferimento a semplici furti e non ad aggressioni. E’ di pochi giorni fa, ad esempio, la notizia di un gruppetto di ladri tutti minorenni pizzicati in città. Circa un anno fa, invece, fece parlare di sé, sempre per i furti, una baby gang che agiva al centro commerciale gli Orsi.

Qualche episodio di violenza, però c’è stato anche qui. A novembre, ad esempio, un ragazzo venne preso a schiaffi e fu derubato del tabacco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente