La Provincia di Biella > Cronaca > Arrestatemi o uccido mia moglie
Cronaca Biella -

Arrestatemi o uccido mia moglie

L'uomo è stato portato in carcere

Arrestatemi o uccido mia moglie. L’uomo disperato è stato portato in via dei Tigli

Una storia di disperazione

Una storia di disperazione e di povertà. Un uomo, A.A. di 47 anni mercoledì si è presentato in Questura a Biella e ha chiesto di essere arrestato. “Mettetemi in cella, altrimenti uccido mia moglie” – queste le sue parole. Agli agenti ha raccontato il motivo della sua richiesta. La sua vita che ad un certo punto ha preso una brutta piega. Ha perso il lavoro e la povertà ha preso il sopravvento. Ultimamente, poi, anche la relazione con sua moglie si è deteriorata, sprofondando in una crisi coniugale di difficile soluzione. Così’ il 47enne disperato si è rivolto alla polizia, chiedendo di essere arrestato. Gli agenti hanno cercato di farlo ragionare la lui è diventato sempre più aggressivo tanto che hanno dovuto arrestarlo per resistenza a pubblico ufficiale. Ieri pomeriggio la direttissima in tribunale al termine della quale l’uomo è stato portato in via dei Tigli. La prima udienza è fissata per il 12 febbraio. In questo lasso di tempo avrà modo di riflettere sulle sue scelte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente