La Provincia di Biella > Cronaca > Accende una sigaretta e la camera dell’ospedale prende fuoco
Cronaca -

Accende una sigaretta e la camera dell’ospedale prende fuoco

Accende una sigaretta nel reparto di pneumologia del nosocomio di Vercelli

Camino in fiamme

 Accende una sigaretta e la camera dell’ospedale prende fuoco

Accende una sigaretta e provoca un incendio nell’ospedale di Vercelli. Il gesto è stato compito da un paziente.  Ieri pomeriggio nel reparto di pneumologia al sesto piano si è innescato un fuoco in una delle quattro camere di degenza. L’Asl spiega che «uno dei pazienti ricoverati, mentre stavo eseguendo una terapia con ossigeno erogato tramite cannule nasali, ha acceso una sigaretta e, violando il divieto, ha iniziato a fumare; in stanza con lui anche altri due pazienti che stavano riposando.  Ne è derivata nell’immediato una combustione, fenomeno tipico che si scatena quando vengono accese sigarette in atmosfere arricchite di ossigeno. L’uomo L.A., 69 anni residente nella casa di riposo di Piazza Mazzini a Vercelli, si trova in rianimazione: è in gravi condizioni, intubato, sedato, in prognosi riservata al Centro Grandi Ustionati del Cto di Torino. Gli altri due pazienti non hanno subito conseguenze e sono stati – insieme agli altri degenti presenti nell’ala coinvolta –  spostati temporaneamente in chirurgia.

Ad accorgersi un’infermiera

Ad accorgersi tempestivamente di quanto stava accadendo è stata una infermiera di turno, subito supportata da un medico presente in quel momento in reparto; quest’ultimo è riuscito a domare prontamente le fiamme con l’estintore di dotazione.  Subito dopo, insieme, hanno portato via tutti i degenti dalla stanza. Successivamente sono poi intervenuti gli operatori della squadra antincendio aziendale e i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza i locali e effettuato tutti i rilievi necessari.

La camera è stata posta sotto sequestro

La camera in cui si è sviluppato l’incendio è stata posta sotto sequestro. Per precauzione tutta l’area coinvolta al momento è stata sgombrata per consentire la pulizia e far sì che l’ambiente possa essere adeguatamente arieggiato. La situazione è sotto controllo. Nell’arco di un paio d’ore – quando gli spazi saranno tutti nuovamente agibili –  verrà ripristinata la naturale collocazione di tutti i pazienti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente