La Provincia di Biella > Attualità > “Violenze in Riva, la situazione peggiora e nessuno interviene”
Attualità Biella -

“Violenze in Riva, la situazione peggiora e nessuno interviene”

L'ultimo episodio di violenza avvenuto in Riva non è passato inossservato al Movimento Giovani Padani, che torna a sollecitare provvedimenti da parte dell'attuale amministrazione cittadina.

L’ultimo episodio di violenza avvenuto in Riva non è passato inossservato al Movimento Giovani Padani, che torna a sollecitare provvedimenti da parte dell’attuale amministrazione cittadina.

L’ultimo episodio di violenza avvenuto in Riva non è passato inossservato al Movimento Giovani Padani, che torna a sollecitare provvedimenti da parte dell’attuale amministrazione cittadina.

“Da anni – spiega Alessio Ercoli – chiediamo una maggiore presenza di forze dell’ordine in loco e l’installazione di telecamere di sicurezza nei punti ritenuti più pericolosi, ovvero nelle vie dove sono presenti i locali e zone limitrofe. Purtroppo fino adesso il massimo che è arrivato sono stati sberleffi da una parte e immobilismo dall’altra. Eppure basterebbe poco per cercare di porre rimedio a un grave problema che negli ultimi anni sta prendendo piede in modo preoccupante, poiché Biella è una città di piccole dimensioni e le aggressioni avvengono in una zona limitata e precisa”.

Nelle ultime settimane, anche grazie a un rinnovato impegno straordinario delle forze dell’ordine, la situazione sembrava essere migliorata. Non secondo Ercoli: “Spiace vedere come la situazione stia peggiorando e nessuno pensi a come porvi rimedio: la città sta diventando meno sicura (almeno nella zona della movida la sera) e ciò non è frenato da decisioni o azioni dell’amministrazione comunale, che troppo spesso non si preoccupa del problema o lo rinvia. Ma è bene pensare a tutti quei giovani che ogni venerdì e sabato sera escono per divertirsi e svagarsi e si ritrovano coinvolti in una lite col rischio di finire all’ospedale. Crediamo che sia giunta l’ora di iniziare a prendere qualche provvedimento e di farlo in maniera seria e continua, perché non è possibile permettere queste violenze”.

Articolo precedente
Articolo precedente