La Provincia di Biella > Attualità > Vaccini obbligatori oggi scadono i termini
Attualità Biella Circondario -

Vaccini obbligatori oggi scadono i termini

Ecco cosa sono tenute a fare le famiglie e cosa rischiano in caso di inadempimento.

simone dispensa

Vaccini obbligatori per legge, oggi ultimo giorno utile per presentare a scuola la documentazione sull’adempimento degli obblighi. Ovviamente vale anche per le famiglie biellesi, anche se in Piemonte è prevista una proroga.

Vaccini obbligatori per tutti, sabato 10 marzo scadono i termini

Il termine fissato, infatti, è quello di sabato 10 marzo. Entro oggi le famiglie devono presentare i documenti che attestano l’adempimento o la prenotazione della seduta per effettuare i vaccini. Se prima era sufficiente un’autocertificazione, adesso sono necessari il libretto delle vaccinazioni o la ricevuta dell’Asl. Nella nostra Regione, però, dato che risulta essere tra le “virtuose”, è prevista una proroga fino a fine mese Leggi l’articolo qui sotto per saperne di più.

Vaccini scadenza rinviata

In Italia 30mila bambini con meno di 6 anni ancora non in regola

Secondo le stime rese note nei giorni scorsi, nel nostro Paese potrebbero essere circa 30mila i bambini con meno di sei anni per i quali ancora non è stata presentata la documentazione. Possono essere previste delle proroghe, ma la loro applicazione varia da regione a regione. La scadenza del 10 marzo non riguarda coloro che vivono nelle regioni dotate di anagrafe vaccinale informatizzata. In questi casi, la comunicazione alle scuole sarà effettuata direttamente dalle Asl.

Conseguenze

Ai bambini con meno di 6 anni non in regola, a partire da lunedì prossimo, sarà vietato l’accesso ad asili nido e scuola dell’infanzia. Divieto che durerà fino a quando il piccolo non sarà stato vaccinato o la sua famiglia non avrà regolarizzato la sua posizione vaccinale. Per i ragazzi che frequentano la scuola dell’obbligo, invece, in caso di inadempienza i genitori possono rischiare sanzioni fino a 500 euro. Ulteriori dettagli si possono leggere qui  e a questo link.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente