La Provincia di Biella > Attualità > Una casa rifugio per i gatti abbandonati
Attualità Biella -

Una casa rifugio per i gatti abbandonati

Sono già più di 50 i mici transitati tra le mura, i giochi e gli angoli morbidi del Cat Parking creato a Biella quasi 10 mesi fa dall’ associazione Legami di Cuore, per soccorrere nell’emergenza gatti randagi feriti, piccoli abbandonati e mici di proprietà con i padroni in situazione di temporanea o definitiva impossibilità di mantenimento. Un lavoro quotidiano svolto dai volontari dell’associazione che si occupano di tutto partendo dalla segnalazione e dalla richiesta d’aiuto proveniente da ogni angolo del Biellese. Ogni micio ha una storia a sè e dietro molti gatti passati dalla struttura ci sono anche storie di anziani che hanno dovuto lasciare la loro casa e i loro compagni di vita spesso già anziani e abituati ad una vita in casa, storie di persone che hanno perso la casa e hanno dovuto separarsi magari temporaneamente dai loro mici. Ci sono storie di amicizie che annullano le dipendenze e accompagnano verso la guarigione. Nel cat parking è ospitato il micio di un signore che sta facendo un percorso di guarigione dalla dipendenza dall’alcool. Non avrebbe voluto continuare pur di non doversi separare da quell’amico che non poteva entrare in comunità Ora, l’umano e il felino si incontrano tutti i giorni nel cat parking scambiando silenziose carezze piene di speranza per entrambi . Il prendersi cura è spesso alla base di tanti rapporti in crisi d’identità dove la persona trova nell’amico a 4 zampe un compagno di vita e dove altrettanto nei casi estremi di separazione è importante poter dare a chi deve privarsi della sua compagnia, la certezza di una sistemazione adeguata e sicura.Il cat parking sorge in un grazioso e luminoso appartamento messo a disposizione gratuitamente da una generosa signora biellese. Gli interni sono stati adeguati alle esigenze dei piccoli ospiti e tutto viene finanziato attraverso le donazioni dei biellesi e non solo all’associazione Legami di Cuore.Numerosi i mici abbandonati che hanno trovato prima rifugio e poi adozione, come numerosi i casi di gatti anziani che hanno trovato famiglie dopo aver perso il padrone a seguito di ricovero in ospedale, case di riposo o abbandono nel peggiore dei casi. Dal giorno di apertura del cat parking ad oggi il cat parking ha dato in adozione 48 mici, ospitato a titolo temporaneo 7, finanziato cure e ricoveri per più di 5000 euro. Un lavoro importante dal momento che sul territorio non esistono strutture di ricovero d’emergenza per gatti che spesso rimangono per strada rappresentando anche un pericolo involontario per gli automobilisti. Alberto Scicolone, presidente dell’associazione Legami di cuore rivolge ai biellesi un appello di aiuto per il mantenimento della struttura e di tutte le cure necessarie al ricovero dei mici in attesa di adozione. Chi volesse avere maggiori può scrivere a legami.dicuore@libero.it e sarà richiamato per ogni chiarimento

Sono già più di 50 i mici transitati tra le mura, i giochi e gli angoli morbidi del Cat Parking creato a Biella quasi 10 mesi fa dall’ associazione Legami di Cuore, per soccorrere nell’emergenza gatti randagi feriti, piccoli abbandonati e mici di proprietà con i padroni in situazione di temporanea o definitiva impossibilità di mantenimento.

Un lavoro quotidiano svolto dai volontari dell’associazione che si occupano di tutto partendo dalla segnalazione e dalla richiesta d’aiuto proveniente da ogni angolo del Biellese.

Ogni micio ha una storia a sè e dietro molti gatti passati dalla struttura ci sono anche storie di anziani che hanno dovuto lasciare la loro casa e i loro compagni di vita spesso già anziani e abituati ad una vita in casa, storie di persone che hanno perso la casa e hanno dovuto separarsi magari temporaneamente dai loro mici.

Ci sono storie di amicizie che annullano le dipendenze e accompagnano verso la guarigione. Nel cat parking è ospitato il micio di un signore che sta facendo un percorso di guarigione dalla dipendenza dall’alcool. Non avrebbe voluto continuare pur di non doversi separare da quell’amico che non poteva entrare in comunità Ora, l’umano e il felino si incontrano tutti i giorni nel cat parking scambiando silenziose carezze piene di speranza per entrambi . Il prendersi cura è spesso alla base di tanti rapporti in crisi d’identità dove la persona trova nell’amico a 4 zampe un compagno di vita e dove altrettanto nei casi estremi di separazione è importante poter dare a chi deve privarsi della sua compagnia, la certezza di una sistemazione adeguata e sicura.
Il cat parking sorge in un grazioso e luminoso appartamento messo a disposizione gratuitamente da una generosa signora biellese. Gli interni sono stati adeguati alle esigenze dei piccoli ospiti e tutto viene finanziato attraverso le donazioni dei biellesi e non solo all’associazione Legami di Cuore.
Numerosi i mici abbandonati che hanno trovato prima rifugio e poi adozione, come numerosi i casi di gatti anziani che hanno trovato famiglie dopo aver perso il padrone a seguito di ricovero in ospedale, case di riposo o abbandono nel peggiore dei casi.

Dal giorno di apertura del cat parking ad oggi il cat parking ha dato in adozione 48 mici, ospitato a titolo temporaneo 7, finanziato cure e ricoveri per più di 5000 euro.

Un lavoro importante dal momento che sul territorio non esistono strutture di ricovero d’emergenza per gatti che spesso rimangono per strada rappresentando anche un pericolo involontario per gli automobilisti.

Alberto Scicolone, presidente dell’associazione Legami di cuore rivolge ai biellesi un appello di aiuto per il mantenimento della struttura e di tutte le cure necessarie al ricovero dei mici in attesa di adozione. Chi volesse avere maggiori può scrivere a legami.dicuore@libero.it e sarà richiamato per ogni chiarimento

Sono già più di 50 i mici transitati tra le mura, i giochi e gli angoli morbidi del Cat Parking creato a Biella quasi 10 mesi fa dall’ associazione Legami di Cuore, per soccorrere nell’emergenza gatti randagi feriti, piccoli abbandonati e mici di proprietà con i padroni in situazione di temporanea o definitiva impossibilità di mantenimento.

Un lavoro quotidiano svolto dai volontari dell’associazione che si occupano di tutto partendo dalla segnalazione e dalla richiesta d’aiuto proveniente da ogni angolo del Biellese.

Ogni micio ha una storia a sè e dietro molti gatti passati dalla struttura ci sono anche storie di anziani che hanno dovuto lasciare la loro casa e i loro compagni di vita spesso già anziani e abituati ad una vita in casa, storie di persone che hanno perso la casa e hanno dovuto separarsi magari temporaneamente dai loro mici.

Ci sono storie di amicizie che annullano le dipendenze e accompagnano verso la guarigione. Nel cat parking è ospitato il micio di un signore che sta facendo un percorso di guarigione dalla dipendenza dall’alcool. Non avrebbe voluto continuare pur di non doversi separare da quell’amico che non poteva entrare in comunità Ora, l’umano e il felino si incontrano tutti i giorni nel cat parking scambiando silenziose carezze piene di speranza per entrambi . Il prendersi cura è spesso alla base di tanti rapporti in crisi d’identità dove la persona trova nell’amico a 4 zampe un compagno di vita e dove altrettanto nei casi estremi di separazione è importante poter dare a chi deve privarsi della sua compagnia, la certezza di una sistemazione adeguata e sicura.
Il cat parking sorge in un grazioso e luminoso appartamento messo a disposizione gratuitamente da una generosa signora biellese. Gli interni sono stati adeguati alle esigenze dei piccoli ospiti e tutto viene finanziato attraverso le donazioni dei biellesi e non solo all’associazione Legami di Cuore.
Numerosi i mici abbandonati che hanno trovato prima rifugio e poi adozione, come numerosi i casi di gatti anziani che hanno trovato famiglie dopo aver perso il padrone a seguito di ricovero in ospedale, case di riposo o abbandono nel peggiore dei casi.

Dal giorno di apertura del cat parking ad oggi il cat parking ha dato in adozione 48 mici, ospitato a titolo temporaneo 7, finanziato cure e ricoveri per più di 5000 euro.

Un lavoro importante dal momento che sul territorio non esistono strutture di ricovero d’emergenza per gatti che spesso rimangono per strada rappresentando anche un pericolo involontario per gli automobilisti.

Alberto Scicolone, presidente dell’associazione Legami di cuore rivolge ai biellesi un appello di aiuto per il mantenimento della struttura e di tutte le cure necessarie al ricovero dei mici in attesa di adozione. Chi volesse avere maggiori può scrivere a legami.dicuore@libero.it e sarà richiamato per ogni chiarimento

Articolo precedente
Articolo precedente