La Provincia di Biella > Attualità > Speed check in arrivo altre sette postazioni
Attualità Circondario -

Speed check in arrivo altre sette postazioni

Verranno istallati il mese prossimo

Speed check in arrivo altre sette postazioni.

Nuove colonnine

Stanno per arrivare anche a Ronco Biellese gli “speed check”. I famosi dissuasori di velocità. verranno installati durante il mese di aprile lungo sette vie provinciali del paese. Sono: Via Provinciale, via IV Novembre, via per Zumaglia, Via Piave ed infine via Roma.
Prima che l’operazione diventi definitiva, si partirà con un periodo sperimentale.

Il sopralluogo

In questi giorni sulle vie interessate c’è stata la presenza del comandante della Polizia municipale di Pollone Gianni Bosco. Si è trattato di un sopralluogo tecnico. Ora non resta che individuare quale sarà la ditta che provvederà all’installazione. Le colonnine rilevatrici di velocità in totale saranno sette.
«Sia chiaro, non si tratta di un’operazione finalizzata a fare cassa – spiega il primo cittadino Carla Moglia -. L’idea di provvedere alla posa degli “speed check” è nata a seguito di una lunga serie di lamentele pervenute da parte di alcuni cittadini i quali “legittimamente” hanno segnalano il passaggio di molti veicoli ad alta velocità».

Strade della provincia

Visto che le strade sono di proprietà della Provincia, il Comune di Ronco dovrà provvedere a comunicare l’intenzione della posa dei rilevatori: «Ho già contattato il presidente della Provincia Emanuele Ramella Pralungo – continua Carla Moglia -. Mi ha anticipato che non ci sono problemi. Come amministrazione comunale dovremo solamente far pervenire all’ente una semplice comunicazione informativa. Ci terrei ancora una volta a ribadire come la mia amministrazione ha sempre avuto un occhio di riguardo per tutto ciò che coinvolge la sicurezza dei cittadini. Quindi, grazie a questa operazione mi auguro che tutti coloro, i quali amano sfrecciare a velocità sostenuta con le loro auto – conclude il sindaco – capiscano che è arrivato il momento di dire basta».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente