La Provincia di Biella > Attualità > Rifiuti abbandonati preso il responsabile
Attualità Circondario -

Rifiuti abbandonati preso il responsabile

Rifiuti abbandonati

Rifiuti abbandonati preso il responsabile

Rifiuti abbandonati preso il responsabile. Pizzicato dalle telecamere mentre abbandona rifiuti presso la nuova isola ecologica. E’ successo nei giorni scorsi a Gaglianico. «Presso la nuova isola ecologica di piazza della Repubblica – spiega il comandante della polizia locale Mauro Casotto – sono presenti i contenitori per la raccolta differenziata del vetro, dell’olio, degli abiti usati e della plastica. Purtroppo, nella stessa area a volte riscontriamo la presenza di rifiuti di vario genere, di solito rifiuti “ingombranti”, che vengono abbandonati in violazione alla normativa ed ai regolamenti».

Fondamentali le immagini

Nel caso in questione si vede un uomo scaricare diverso materiale dalla propria auto (uno schermo, la rete di un letto, diversi sacchi di grosse dimensioni) e abbandonare tutto nell’area ecologica. «Questo comportamento è vietato – ricorda Casotto -, le sanzioni vanno da 300 a 3mila euro, con pagamento in misura ridotta di 600 euro». Se la stessa violazione è commessa dal titolare di un’impresa, la sanzione è addirittura penale: arresto da sei mesi a un anno o ammenda da 6mila a 26mila euro (maggiore se si tratta di rifiuti pericolosi).

Chi è il responsabile

In questo caso le immagini del sistema di videosorveglianza hanno consentito alla polizia locale di identificare in modo inequivocabile l’autore del.la violazione: si tratta di E.A., un 59enne straniero che risiede a Gaglianico. «Questi episodi sono incomprensibili e ingiustificabili – ha sottolineato il sindaco Paolo Maggia – perché i cittadini possono conferire i rifiuti ingombranti direttamente al punto di raccolta di Seab che si trova a Biella in via per Candelo. Il servizio è gratuito». «Le telecamere già installate – ha aggiunto – forniscono un’efficace copertura del territorio e il sistema di videosorveglianza è in corso di ulteriore ampliamento»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente