La Provincia di Biella > Attualità > Raro tumore uccide una mamma di 50 anni
Attualità Circondario -

Raro tumore uccide una mamma di 50 anni

Ancora una giovane mamma uccisa prematuramente

Raro tumore uccide una mamma di 50 anni
Dramma
Ha lottato fino all’ultimo, sempre stringendo i denti e senza perdere il sorriso e la speranza. Se n’è andata da guerriera Caterina Carmona, cinquantenne che da oltre un anno combatteva contro una rara forma di tumore. Pochi giorni fa, nel corso di una nuova visita a Candiolo, la brutta notizia: ormai non c’era più niente da fare, le rimaneva poco tempo. E così è stato, tre giorni più tardi Katia – così la chiamavano tutti – se n’è andata.
Originaria di Licata, in provincia di Agrigento, era arrivata nel Biellese da adolescente, insieme alla famiglia. Era molto apprezzata e conosciuta a Cossato, dove ha sempre vissuto, e a Candelo, dove si era trasferita nel 2005. Fino a qualche anno fa aveva lavorato alla Botto Poala, poi era rimasta a casa.
«Era una donna fortissima – la ricorda la figlia Alessia –, una grande persona, molto dolce e sempre solare. Precisa in tutto, si preoccupava di ogni dettaglio e si è sempre presa cura in tutto e per tutto di noi figli. Ha cercato di non farci soffrire e ci ha sempre protetti, fino all’ultimo respiro. È stata davvero una guerriera, una leonessa. Non è un caso se tante persone le hanno voluto bene e in queste ore la ricordano, perché era veramente speciale».
Anche nei difficili mesi della malattia, non si era lasciata abbattere: “Oggi è una giornata speciale – scriveva Katia su Facebook l’ultimo giorno del 2018 – perché proprio oggi, un anno fa, ho scoperto di avere un brutto male… Ho lottato per un anno e inizio il 2019 continuando a lottare, ma se questi alieni pensano di sconfiggermi, sbagliano. Mi ridurranno ad un rottame, forse, ma non l’avranno vinta! E contateci pure! Un grazie alla mia famiglia che mi ha supportata giorno e notte e in tutto questo percorso difficile”.
E proprio questo “grazie” è uno degli aspetti che anche alla figlia preme sottolineare: «Credo ci tenesse tanto a ringraziare mia zia e tutta la sua famiglia, se non fosse stato per loro non so come avremmo fatto, nonostante mamma fosse una roccia». «Mia madre era malata – conclude la ragazza -, ma era lei a dare forza a noi. E non lo dico perché sono la figlia, ma perché davvero non credo di aver mai visto una donna così forte. Se n’è andata troppo presto, per me è stato un grandissimo orgoglio avere una mamma così».
Nella chiesa di San Pietro a Candelo, amici e parenti hanno salutato Katia Carmona per l’ultima volta. Oltre ai figli Alessia e Paolo, la donna lascia la sorella Grazia con il marito Giuseppe e i figli Sharon, Mario e Melissa, e l’affezionato cugino Gaspare Incorvaia.
Caterina Carmona non è l’unica cinquantenne scomparsa in questi giorni. (leggi qui) e qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente