La Provincia di Biella > Attualità > Meteo, continuano le ondate di calore
Attualità Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Meteo, continuano le ondate di calore

Previsti sporadici temporali che porteranno sollievo ma anche un aumento dell’umidità.

Previsti sporadici temporali che porteranno sollievo ma anche un aumento dell’umidità.

Continua il caldo anche per il mese di agosto. Da oggi e fino a venerdì si registreranno temperature equatoriali fino a toccare addirittura i 34 gradi. Ma a mettersi in mezzo c’è sempre la nostra cara umidità che aumenta notevolmente la percezione del calore, fino a farci sentire temperature oltre i 38 gradi.

Nel fine settimana, da sabato pomeriggio, verso le 17, dovrebbero manifestarsi dei temporali. I tipici acquazzoni estivi che investiranno il Biellese per un paio d’ore circa e che scaricheranno piogge moderate fino a 1,4 mm circa l’ora. Una boccata d’aria fresca per gli agricoltori di campi e risaie, ormai da giorni preoccupati e in allarme per la siccità e gli scompensi che causano al loro raccolto in questa torrida estate. Deboli o assenti i venti provenienti, negli sporadici e isolati temporali, principalmente da Nord-Nord-Est.ù

Fino alla prossima settimana la colonnina di mercurio non dovrebbe scendere di notte troppo al di sotto dei 30 gradi. La settimana prossima è invece prevista una tregua dal caldo, soprattutto intorno Ferragosto, ma sono previsioni ancora incerte: oltre i cinque giorni, infatti, hanno valore solo come possibilità, come tendenza. Per avere qualche certezza in più l’unica cosa da fare è aspettare e sperare in un po’ di fresca pioggia in soccorso degli agricoltori.

Circa il 70 percento del raccolto di mais è già andato perso a causa della siccità, oltre a provocare ingenti danni nella fascia precollinare. A subire di più questa condizione di caldo e carenza d’acqua è soprattutto la parte di territorio compresa tra Biella e Vercelli, ma anche la zona di Greggio e della Baraggia, dove ci sono diverse risaie, seccate dallo strano clima di questa estate. Nella fascia della media provincia, invece, si potrebbero avere delle ripercussioni se la siccità dovesse continuare.

A soffrire questa situazione sono anche le api che, per via del caldo, volano di meno e tendono a rimanere a terra senza riuscire più a prendere il polline. Questi animali sono un indicatore dello stato di salute della natura e la loro scarsa attività è una prova della grave criticità provocata dalle temperature anomale.

Stiamo attraversando un vero e proprio periodo di siccità, visibile anche dal colore giallo, sostituitosi al consueto verde, delle aiuole e delle aree verdi all’interno delle rotonde in città. Sembra proprio di aver fatto un salto di latitudine passando dal Piemonte alla Sicilia nel giro di neanche un mese.

Articolo precedente
Articolo precedente