La Provincia di Biella > Attualità > Le storie d’amore più struggenti nei secoli
Attualità Biella -

Le storie d’amore più struggenti nei secoli

Tristano e Isotta, Penelope e Ulisse, Romeo e Giulietta: quando il sentimento vale più di mille impedimenti

storie d'amore

L’amore è da sempre l’argomento principe di tutta la produzione letteraria, poetica e artistica dell’uomo. Fin dagli albori, quello «sfarfallìo» nella pancia che ci prende quando si è innamorati di qualcuno ha dato il via all’ispirazione degli artisti. Ecco dunque una carrellata non esaustiva di storie d’amore mitiche o mitologiche, o diventate emblematiche e rappresentative dell’amore «tout-court».

Penelope e Ulisse

La vicenda mitologica di Penelope e Ulisse è raccontata da Omero nell’Odissea; Ulisse, partito per la guerra di Troia, venne atteso per anni dalla fedele moglie Penelope, la quale sotto minaccia promise che si sarebbe risposata solo al completamento della tela (come sudario) per Laerte. Penelope però, simbolo d’astuzia femminile e di fedeltà al proprio uomo, di notte disfaceva la tela tessuta di giorno, in modo tale che il lavoro non avesse mai fine. L’obbiettivo era quello di non sposarsi per aspettare fedele il ritorno del marito Ulisse.

Amore e Psiche

Amore e Psiche ci è narrata da Apuleio nelle Metamorfosi. Psiche, fanciulla di sublime bellezza, attira le invidie di Venere la quale per punirla manda da lei suo figlio Amore col compito di far innamorare la ragazza dell’uomo più brutto della Terra. Amore però si innamora di Psiche e la porta all’interno del suo palazzo, dove i due amanti arderanno di passione senza però potersi mai vedere in faccia poiché, per evitare le ire di Venere, era stato imposto che i due si incontrassero sempre al buio. Un giorno Psiche decide di guardare in faccia il suo amato il quale però si ustiona. Così Psiche si consegna a Venere, la quale furibonda la sottopone ad una serie di terribili prove.

La regina Ginevra e il cavaliere Lancillotto

Ginevra e Lancillotto sono personaggi del romanzo cavalleresco e simboli dell’amore medievale. Lancillotto, fidato cavaliere di Re Artù, si innamora della moglie di lui Ginevra. I due vivranno una storia tormentata e saranno la causa della rovina del regno di Camelot. E proprio leggendo un passo relativo all’amore di Lancillotto e Ginevra, secondo Dante, scoppiò la passione tra i due adulteri del V Canto dell’Inferno, Paolo e Francesca (altra coppia simbolo di amore impossibile e ciononostante vissuto).

Romeo e Giulietta

Romeo e Giulietta è sicuramente la storia d’amore per eccellenza. Tragedia scritta da Shakespeare, narra l’amore impossibile vissuto da Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti, figli di famiglie rivali. I due si sposarono in segreto ma Romeo per sbaglio uccise Tebaldo, cugino di Giulietta, venendo condannato a morte. La fanciulla quindi andò da un frate ed egli le diede una pozione in grado di provocare una morte apparente che ella bevve. Una volta risvegliati i due innamorati avrebbero potuto vivere il loro amore serenamente altrove. Purtroppo però Romeo non venne informato della pozione e così, una volta raggiunta Giulietta, la credette morta: per il dispiacere si suicidò. Giulietta, pure, vedendo l’amato morto si uccise anche lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente