La Provincia di Biella > Attualità > La triste storia di Ottavio, troppo buono per essere un cane da caccia
Attualità Circondario -

La triste storia di Ottavio, troppo buono per essere un cane da caccia

Aiutiamolo

Probabilmente Ottavio non era all’altezza del suo ruolo, nato da una bellissima cucciolata di Epagneul Breton, la sua vita doveva essere quella del cane da caccia visto la sua razza, ma qualcosa è andato storto.

Dopo avergli tagliato la coda e limato i canini per renderlo più idoneo al suo ruolo, Ottavio deve aver deluso le aspettative del suo padrone, che non vedeva in lui che un mero mezzo per poter cacciare, ed è stato abbandonato come si abbandona un oggetto rotto che non funziona più. Gli anni passati tra canili e rifugi, adesso lui ha tre anni, non sono riusciti a modificare la sua indole buona di eterno giocherellone, quella probabilmente che ha spinto il suo padrone ad abbandonarlo, ma che farebbe la gioia di chi ama gli animali. Adesso Ottavio è ospitato in un rifugio piemontese, dove finalmente ha trovato un po’ di serenità, ma, come per tutti i cani che non hanno una casa loro, deve dividere le coccole e le passeggiate con gli altri ospiti. Ottavio è un cane ancora giovane, con tanta energia, e, per quanto le persone che si occupano di lui in questo momento stiano facendo il massimo, la sua casa oggi è un recinto e le attenzioni di cui ha disperatamente bisogno deve dividerle con moltissimi altri cani. Gli Epagneul sono cani vivaci e molto intelligenti, facili da addestrare, docili ed obbedienti, pazienti con i bambini ed affettuosi con i proprietari, amano fare lunghe passeggiate e, come tutti i cani, lui in particolare amano le coccole. Chiunque volesse aiutare Ottavio può telefonare al 340 4226338 o inviare una email a info@everydog.eu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente